Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 13 Aprile, 2019

La Roma in rima,Stagione 2018-19

13 Aprile 2019

Roma – Udinese

Roma – Udinese: 1-0

***

S’è vinta ‘na partita in cui è successo,

quarcosa de incredibbile davero,

la porta s’è lasciata a reti zero,

e ha segnato Dzeko un go’ qui stesso.

***

Ché prenne go’ fin qua è stato er sentiero,

su cui ce s’è portati ner regresso,

e Dzeko nun segnava in ‘sto complesso,

un go’ in casa da un anno intero.

***

S’è vinto, s’è lottato, e assai s’è spinto,

quer ch’è mancato troppo a ‘sti livelli,

sia dentro che de fòri a ‘sto recinto.

***

Ché anche si nun semo troppo belli,

quello che conta è mette sur dipinto,

tre punti assieme, senza fà macelli.

***

Stefano Agostino

***

 

I sonetti romani

G.G. Belli: L’anime

g.g. belli - l'anime

L’anime

***

L’anime cosa sò? Sò specie d’arie.

Dunque, come a li piani e a le colline

se danno l’arie grosse e ll’arie fine,

sce sò l’anime ffine e ll’ordinarie.

***

Le prime sò ppe li Re, le Reggine,

li Papi e le perzone nescessarie,

quel’antre poi, de qualità contrarie,

sò ppe la ggente da contà a duzzine.

***

Pe sto monno la cosa è accommidata:

ma in quel’antro de llà c’è gran pavura,

che sse svortichi tutta la frittata.

***

Perchè Cristo e San Pietro er zu’ guardiano

s’hanno da ricordà ffin ch’Iddio dura

che cchi li messe in crosce era un zovrano.

***

Giuseppe Gioachino Belli

________________

***