Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Dicembre 6th, 2020

La Roma in rima,Stagione 2020-21

6 Dicembre 2020

Roma – Sassuolo

Roma – Sassuolo: 0-0

***

Finisce co un pareggio a reti bianche,

che pe come s’è messa poi la gara,

rischianno assai de pagalla cara,

nun è da buttò via … e questo anche …

***

… pe l’omo in meno. ch’è ‘na bella tara,

un campo pesantissimo finanche,

la Roma appare co le schiere stanche,

inzomma un punto bono è cosa chiara.

***

Ma certo nun se pò èsse contenti,

pe un arbitraggio che te fischia tutto,

ma sempre contro e quinni t’arisenti …

***

… e resti co ‘sto zero a zero asciutto,

un punto solo in tasca … musi spenti,

speranno prima o poi che porti frutto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “voce che grida ner deserto”

Dar Vangelo der giorno:

“voce che grida ner deserto”

***

Così che fu mannato un messaggero,

a preparà la strada p’er Signore,

che stava pe venì, pe Grazzia e Amore,

e pe diffonne ar monno er Credo Vero.

 ***

Battista battezzava a tutte l’ore,

ner predicà er perdono più sincero,

e stava in der deserto er giorno intero,

magnannose locuste e quarche fiore.

 ***

Vestito co li peli der cammello,

“Dopo de me” – diceva – “ne viè Uno

più granne ar punto che de fronte a Quello, …

 ***

… io nun so’ degno de chinamme a Tanto,

io ve battezzo in acqua e so’ un nisuno,

Lui ve battezzerà in Spirito Santo”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***