Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Gennaio, 2021

La Roma in rima,Stagione 2020-21

31 Gennaio 2021

Roma – Verona

Roma – Verona: 3-1

***

La Roma vince e già solo ‘sto fatto,

colora de sorisi tutto quanto,

tre go’ tutti in un tempo ch’è da schianto,

poi ner seconno sa regge l’impatto.

***

Er primo de Mancini, che de tanto

sàrta de testa e tocca … poi lo scatto

de Mayoral che serve co un bell’atto

Mkhitaryan p’er due che segna intanto.

***

Er tre è de Mayoral da sotto-rete,

poi solo da gestì … segna er Verona,

ch’è certa de riprenne e je compete.

***

Ma nun ce riesce ché la Roma dona

tre punti boni pe levà la sete,

de terzo posto che nun abbandona.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “l’indemognato”

Dar Vangelo der giorno: “l’indemognato”

***

Gesù è ito quinni in sinagoga

de sabbato, così, pe Suo mannato,

quanno a un tratto un indemognato,

je se presenta in tutta la sua foga.

***

“Che vòi da noi?”, je dice, da ‘nvasato,

“Sei qui pe rovinacce e co la toga

d’èsse er Santo de Dio, er che t’aroga

diritto come Re de ‘sto Creato”.

***

“Taci” – Gesù risponne – “Esci de fòra,

spirito immonno, lassa stà ‘sto fìo”,

quello sortì, senza strazziallo ancora.

***

E l’artri tutti a dì: “Chi è ‘sto tizzio

che viè e commanna come fusse Dio?”…

E questo fu sortanto che l’inizzio.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

30 Gennaio 2021

Er sampietrino de Piazza Venezzia

Er sampietrino de Piazza Venezzia

***

Sei cubo, si scavato, sei massiccio,

un sercio quadro, che s’è messo in fila,

co l’artri appiccicato, in diecimila,

come in un “puzzle”, a coprì er tericcio.

***

Accatastato sopr’a quela pila,

t’hanno poggiato lì, ché davi impiccio,

(chissà chi s’è levato ’sto capriccio),

aspetti che quarcuno t’arinfila.

***

Come si fusse solo che un’inezzia,

te vonno toje pe colà l’asfarto

e rifà er fonno de Piazza Venezzia.

***

Cervello ch’a ’st’idee j’ha dato parto,

dimostra, co ’st’inutile facezzia,

ch’è solo lui er sercio ch’è de scarto.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

28 Gennaio 2021

Er vento

Er vento

***

Pò èsse un soffio o più un tinticarello,

o raffica de tramontana, “gianna”,

pò accarezzatte er viso co ’na spanna,

fàtte volà, inzieme, tu e l’ombrello.

***

D’estate, quanno sbuffa, è più ’na manna,

si l’afa attufa peggio ch’ar Burello,

ma quann’è inverno gira cor cortello,

sega la faccia e l’ossa te l’azzanna.

***

Che sia libbeccio, greco o ponentino,

scirocco càllo o freddo maestrale,

ner vento c’è un quarcosa de divino.

***

È Dio che scegne giù in mezz’ar mortale,

pe dije ancora che je sta vicino,

sia cor sereno che cor temporale.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Gennaio 2021

La giornata de la memoria

La giornata de la memoria

***

Ben venghi la giornata de memoria,

pe nun dimenticà l’infamia estrema

de la “Shoah”, che nun pò èsse un tema

da chiude e conzervà in libbri de storia.

***

Ma ricordà sortanto nun è schema

pe evità che l’omo e la sua boria,

pe quarche sua credenza e vanagloria,

possa, però, ripresentà er probbrema.

***

Accanto a la memoria de l’eccidi,

quale che sia l’idea de l’assassino,

ch’ha perpetrato zozzi genocidi …

***

… ce vò chi inzegni già a ‘gni bambino,

a quali rischi infonne l’odio guidi,

pe razza, credo, gusto o p’er quatrino.

******

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

26 Gennaio 2021

Tutti CONTEnti

Tutti CONTEnti

***

Come si fusse stato ch’un giochetto,

gestì er Paese ne la pandemia,

combatte co ‘sta granne epidemia,

co poche armi eppoi tutto de getto.

***

O semprice sarvà l’economia,

in piena crisi come primo effetto,

ch’ha riguardato er monno, un aspetto

che nun è certo pura fantasia.

***

Sò stati fatti sbaji … è naturale,

ma intanto prese pure decisioni,

che artri han seguito, ben’ o male.

***

Ma pe pastette de portrone a molle,

qui oggi, pe ‘na massa de cojoni,

è un dì de festa: Conte sale ar colle!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Gennaio 2021

La Converzione de San Paolo

La Converzione de San Paolo

***

Lui se n’annava là, verzo Damasco,

quer giorno quanno venne forgorato,

’na luce accesa, forte, l’ha cecato,

stava a cavallo e disse: “Aiuto, casco!”

***

Udì ’na voce in tono arterato

che disse: “Basta un po’ de stà a ricasco

de chi m’ammazza er gregge eppoi, fuggiasco,

cambiete nome e fa’ ch’Io sia lodato!”

 ***

La voce der Signore Gesù Cristo:

“Io t’ho cecato, ma mica pe ride:

tu fin’a mó de certo nun ciài visto”.

***

Pe Paolo fu lì la Converzione:

aperti l’occhi ar Vero lui rivide

er credo ‘nzieme ar nome e la missione.

***

Stefano Agostino

____________________________________

***