Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Gennaio 23rd, 2021

La Roma in rima,Stagione 2020/21

23 Gennaio 2021

Roma – Spezia

Roma – Spezia: 4-3

***

Ce sò partite e certamente questa

in cui nun conta solo la vittoria,

troppa l’ariaccia attorno a Trigoria,

pe sindacà quale punteggio resta.

***

La Roma ha vinto … e questo fa la storia,

de ‘sta partita che vale ‘na festa,

pe come ch’è venuta e co che gesta,

dopo ‘na settimana de cicoria.

***

Poi quanno la recuperi a la fine,

dopo un pareggio che grida vendetta,

la gioia ar quarto go’ nun cià confine.

***

Un granne Mayoral co ‘na doppietta

poi Karlsdorp prima de staccà le spine,

e Pellegrini fa ‘gni curva, retta.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

La presa de coscenza

La presa de coscenza

***

Ma che te guardi de prima matina?

E spiegame, de grazzia, chi saresti?

Eppoi che vonno dì tutti ’sti gesti?

Me metti ’na scacagna ballerina!

***

De faccia pare ciài ducento aresti,

nemmanco fussi un mezzo Totò Riina,

la barba lunga e li capelli a spina,

l’occhi abborzati, scarcagnati e pesti.

***

Pe datte un bricioletto de decenza,

te do un conzijo, si me presti orecchio:

da un estetista pìa la residenza.

***

Ar posto tuo m’ero buttato ar secchio,

me tocca d’annà via, ché ciò un’urgenza,

tu che te segui, ahó ?!? … Ma sei ’no specchio.

***

Stefano Agostino

_________________________

***