Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Dicembre, 2020

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Dicembre 2020

L’urtimo de l’anno

L’urtimo de l’anno

***

Me immaggino che l’urtimo de l’anno

sia com’er vecchio nonno e un nipotino

che je viè incontro … sogni da bambino

p’abbraccicasse in de ‘sto compreanno.

***

E penzo a quer poretto der nonnino

che cià solo ‘sto giorno su ‘sto scranno,

su cui se siede er piccolo a rimanno,

pe riccontaje tutto er suo cammino.

***

Spiegaje le staggioni eppoi li mesi,

de cresce fin’a quanno è primavera

e maturà d’estate e, a frutti presi, …

***

… conosce dopo autunno, quann’è sera,

e a un sorzo de l’inverno, appena appesi,

er piccolo che viè e dije com’era.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

30 Dicembre 2020

Basta botti a Capodanno

Basta botti a Capodanno

***

È ‘na proposta ch’è come ‘na goccia,

ma tante gocce assieme fanno er mare,

perciò la faccio, armeno qui me pare,

de èsse franco e dì che ciò in capoccia.

***

Quest’anno da le tante cose amare,

cor Covid che ancora ce se ‘ncoccia,

venti de guera e er monno che scapoccia,

er Capodanno sia particolare.

***

Lassamo de sparà tutti ‘sti botti,

petardi, razzi, ciccioli e fischioni,

nun li schioppamo più, se semo rotti.

***

E co l’augurio de un artro domani,

e un anno che nun rompa li cojoni,

saranno più felici gatti e cani.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

29 Dicembre 2020

Er vaccino de noantri

Er vaccino de noantri

***

Nun vorebbe sembrà iriverente,

ma pe noantri a Roma c’è un vaccino,

se fa piggianno l’uva e dentr’a un tino,

va messo a fermentà … poi lentamente …

***

… s’aspetta er tempo che diventi vino,

de contro-indicazzioni nun cià gnente,

s’assume senza er medico presente,

de giorno, sera, notte e anche matino.

***

Nun se siringa, ma pe via orale,

er minimo de dose, co richiamo,

è de un bicchiere, mejo si boccale.

***

Apostrofo tra ‘na bottija e un t’amo,

bianco, rosato o rosso, caccia er male,

er primo a vaccinasse fu Adamo.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

28 Dicembre 2020

Li Santi Innocentini

Li Santi Innocentini

***

Seconno detto antico e tradizzione,

er giorno de li Santi Innocentini

finischeno le feste e li quatrini,

ma nun l’ho mai capita la raggione.

 ***

Ce stanno già lenticche e cotechini,

pronti p’er Capodanno e un ber cenone,

c’è er sei gennaio che, nun è oppignone,

è festa de balocchi e de bambini.

 ***

Ma nun se pò nun èsse poi d’accordo

cor fatto ch’er ventotto ormai, in saccoccia,

nun ce sta più ‘no spicciolo de sòrdo.

 ***

Ché co ’sta crisi, artro che bisboccia,

e de le feste c’è solo er ricordo,

ché nun se sa ‘ndó sbatte la capoccia.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Dicembre 2020

Dar Vangelo der giorno: “la Presentazzione de Gesù ar Tempio”

Dar Vangelo der giorno:

“la Presentazzione de Gesù ar Tempio”

***

Giuseppe co Maria sò iti ar Tempio,

pe presentà er Bambin Gesù ar Signore,

come previsto, e lì c’era un Dottore

de nome Simeone, un granne esempio …

 ***

… de omo giusto e pio, che co onore

quanno li vide disse: “Er còre riempio

de ’gni soddisfazzione e nun me stempio

si annerò già mó ar Creatore.

 ***

Ché posso dì co ’st’occhi d’avé visto,

Colui che porterà sarvezza ar monno,

de più che posso fà, pure che esisto?”

 ***

Prese Maria e je disse: “Ner profonno

verai trafitta un dì, ma Lui è er Cristo,

e dovrà fàllo sempre, fino in fonno”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Dicembre 2020

Santo Stefano

Santo Stefano

***

Er protomartire, pe primo ucciso,

martirizzato pe difenne Cristo,

lui Stefano, cioè che quann’ha visto

li Celi aperti, er Padre e er Fìo assiso …

***

…  a la Sua destra, lì (e me rattristo)

da sassi lapidato e in più deriso,

mentre moriva, l’attimo preciso,

lui perdonò chi l’ammazzava pisto.

***

Ner calennario segue già er Natale,

come che vita e morte sò un ritorno,

de un disegno de Chi ha vinto er male …

***

… pe ricacciallo in de l’abbisso ar forno,

io porto er nome suo, tal’e quale,

e ce so’ nato propio in de ‘sto giorno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Dicembre 2020

Er senzo der Natale

Er senzo der Natale

***

Nun c’è da èsse boni ch’è Natale, 

perché questa è ‘na granne ipocrisia,

che nun cià senzo, ar punto che va via,

appena ito ‘sto giorno speciale.

***

Bene che va fin’a l’Epifania,

poi torna tutto quanto tal’e quale,

se perde, conzeguenza naturale,

come finisce ‘gni strenna e maggìa.

***

Natale ce vor dì che Dio quer giorno,

pe fàcce come Lui, ner più profonno,

s’è fatto come noi … e tutt’attorno …

***

… Maria e Giuseppe e dietro, su lo sfonno,

un bue e un asinello da contorno,

p’ariscallà Chi viè a sarvà er monno.

***

Stefano Agostino

__________________________

***