Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Marzo 7th, 2021

La Roma in rima,Stagione 2020/21

7 Marzo 2021

Roma – Genoa

Roma – Genoa: 1-0

***

Se vince pe uno a zero e tanto basta,

rischianno pure poi sur fir de lana,

ma intanto ‘sti tre punti a la romana,

sò boni come un ber piatto de pasta.

***

Ché l’ora è quella, co la genoana,

la Roma passa e co la porta casta,

tiè er passo giusto e la corza tasta,

p’er quarto posto, cosa ch’è mai vana.

***

Er go’ su carcio d’angolo de testa,

stacco imperioso, quello de Mancini,

e abbasta quello, l’uno a zero resta.

***

Avanti adesso senza conti fini,

ma co la stessa voja manifesta,

de portà a casa … punti e punticini.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “la cacciata de li mercanti dar Tempio”

Dar Vangelo der giorno:

“la cacciata de li mercanti dar Tempio”

***

Fece ‘na frusta co le cordicelle,

cacciò così li mercanti dar Tempio,

gridanno: “Ch’è ‘sto schifo? Ch’è ‘sto scempio?

Portate via colombe e pecorelle!”

***

A li giudei je fece: “Bell’esempio

che date ar Padre Mio co tutte quelle

monete, invece de usà favelle,

pe convertì er peccatore e l’empio!”

***

Allora quelli lì vollero un segno,

je disse: “In tre giorni, l’arifaccio

si distruggete er Tempio in marmo e legno”.

***

Era pe dì che Lui sarebbe morto,

(er Tempio era er Suo Corpo) co l’allaccio

a li tre giorni dopo da Risorto.

***

Stefano Agostino

______________________________

***