Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Marzo 3rd, 2021

La Roma in rima,Stagione 2020/21

3 Marzo 2021

Fiorentina – Roma

Fiorentina – Roma: 1-2

***

Vittoria ch’è arivata ner finale,

cor go’ ch’è stato poi convalidato,

pe riaggiustà così er risurtato,

dopo un pareggio che ce stava male.

***

Se vince pe due a uno … ma peccato

p’er solito infortunio naturale,

stavorta Veretout … e tanto vale,

ma c’è però un ber passo conquistato.

***

Er go’ e l’autogo’ de Spinazzola,

pareva fusse fatto tutto quanto,

vantaggio prima e poi quela gran sòla.

***

Ma a l’urtimo è successo che l’impianto

co Diawara è caduto e co la Viola

la Roma ha vinto … quinni urlo e canto!

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

Er quartino

Er quartino

***

Sarò avvinazzato …embè?… pazzienza,

ma io nun ciarinuncio a un ber quartino,

nun è magnà de gusto, senz’er vino,

rosato, bianco o rosso a l’occorenza.

***

È er frutto de la vite ch’è divino,

ne la fojetta c’è la quintessenza,

der succo d’uva e de tutta la scenza,

che pò conosce solo er contadino.

***

In vino veritas” – detto in moderno,

vòr dì che l’èsse astemi è già bucìa,

pe chi è buciardo er posto è ne l’Inferno.

***

E p’evità ’sta fine c’è ’na via,

fasse un goccetto e un brindisi fraterno,

ch’er mejo sorzo è quello in compagnia.

***

Stefano Agostino

__________________________

***