Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Aprile, 2021

La Roma in rima,Stagione 2020/21

29 Aprile 2021

Manchester U. – Roma E.L.

Manchester U. – Roma: 6-2

***

Nun c’è commento, no, nun ce pò èsse,

e come ce pò stà co ‘sta sconfitta,

vabbè … nun te n’è ita una dritta,

ma pure che le cose se sò messe …

***

… in malo modo e nun è aria fritta,

co tre sostituzzioni tutte stesse

ner primo tempo, come si piovesse,

e un rigore preso … ch’è da slitta.

***

Ma nun se pò comunque fà ‘ste prove,

e prenne go’ così, co ‘sto magone,

ché nun s’è visto mai er come e dove.

***

Nun dico ch’è da fà rivoluzzione,

ma c’è quarcosa che se deve move,

e presto …  nun s’aspetti l’occasione.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

Er “computer”

Er “computer”

***

Viva er “computer”, gran ber marchingegno!

Ar giorno d’oggi nun se pò stà senza,

è diventato più che un’esiggenza,

sia pe lo sgobbo che p’er disimpegno.

***

Nun ce sta cosa che, a l’occorenza,

nun pòi risorve sempre co ’sto fregno,

un video, ’na tastiera e sei ner regno,

ch’è reartà de pura fantascenza.

***

Movi cor “mouse”, taji, copi e incolli,

poi apri er “file” e “clikki” su l’icona,

cor “www” er monno lo controlli.

***

Ma si c’è rischio che nun te funziona,

pò èsse ch’è p’er “virus” de li polli,

che scambieno er PC pe ’na perzona.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

28 Aprile 2021

La vera dignità

La vera dignità

***

In de ’no stato de democrazzia,

sarebbe da trovà modo e magnera,

de nun fà èsse solo ’na chimera,

la parità de tutti su ’sta via.

***

Ar giorno d’oggi conta la cariera:

te meriti saluto e cortesia,

solo si sei de l’arta-borghesia,

er resto è solo avanzo de galera.

***

La dignità però nun se misura,

dar grado conquistato ner lavoro,

da l’èsse fico, noto o de curtura.

***

Degno de stima e massimo decoro,

nun è er ricco, er furbo o chi fattura,

ma chi cià dentr’ar petto un còre d’oro.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

27 Aprile 2021

La maggìa

La maggìa

***

Tra fattucchiere, maghi e indovini,

è facile scontratte cor santone,

ch’ha preparato la giusta pozzione,

pe tojete l’impicci che combini.

***

A daje retta, paghi quer centone

e scopri li futuri e li destini,

risorvi le magagne e li casini,

te spieghi un sogno o svortichi l’unione.

***

Fra chi legge le mano e li tarocchi,

chi studia er segno tra luna e pianeti,

è un giro de mijardi de baiocchi.

***

A tutta ’st’ammucchiata d’amuleti,

che torgheno più sòrdi che malocchi,

io preferisco conzurtà li preti.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

26 Aprile 2021

La fretta

La fretta

***

A córe, sempre in giro, e pe ’gni dove,

tarantolato ballo de San Vito,

pare ch’ar culo t’hanno messo un dito,

e pe levattelo te devi move.

***

Nun c’è momento che sai dì: “Finito!”,

e spigni e sudi e scarci tipo bove,

sempre de prescia, come quanno piove,

che vai cercanno nun s’è mai capito.

***

Te sei fermato un quarto de seconno,

pe chiedete che serve annà de fretta,

si nun te godi gnente ner profonno?

***

Quanno succederà ’sta cosa letta,

arisvejato da un eterno sonno,

ciavrai quarcuno mai che te dà retta?

***

Stefano Agostino

____________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

25 Aprile 2021

Cagliari – Roma

Cagliari – Roma: 3-2

***

Artra partita che j’hai rigalato,

sconfitta netta senza mai un appello,

senza quarcosa ch’avvicini a quello

che come gioco te viè rubbricato.

***

Manca più o meno tutto … c’è er torello

a centrocampo ch’è pure sbajato,

poi prenni go’ dovunque e risurtato,

è perde che te squilla er campanello.

***

Speranza … ma è sempre più speranza,

è che sei concentrato co la testa,

a la partita in coppa ch’è abbastanza.

***

Ché si poi la raggione nun è questa,

è mejo dasse tutti a ‘na vacanza,

… ma la speranza … ovviamente resta.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “chi è er bon pastore”

Dar Vangelo der giorno: “chi è er bon pastore”

***

“So’ bon pastore”, je disse er Signore,

“che dà la vita pe difenne er gregge,

che sempre se lo cura e lo soregge,

no com’er mercenario, ch’è a ore.

***

So’ bon pastore, quello che protegge,

ch’er pascolo conosce e dà Amore,

le pecore ricambieno er favore

seguennolo ner quanno dètta legge.

***

E pure si nun è de ‘sto recinto,

‘gni artra pecorella va seguita,

guidata perché ascorti co l’istinto.

***

Er Padre m’ha mannato a dà la vita,

che do e me riprenno, da Lui spinto,

a ‘sta “Missione” che j’è più gradita”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***