Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Aprile 11th, 2021

La Roma in rima,Stagione 2020-21

11 Aprile 2021

Roma – Bologna

Roma – Bologna: 1-0

***

Se vince cor punteggio de uno a zero,

tanto che basta senza grossa spesa,

in vista de la gara certo tesa,

de coppa ch’è l’impegno più severo.

***

Ma er primo tempo rischi la sorpresa,

ché c’è er Bologna che gioca davero,

poi Borja Mayoral forte sincero,

segna quer go’ che chiude la contesa.

***

Se sò rivisti pure giocatori,

che a dir poco sò fonnamentali,

che mancheno da troppo a ‘sti colori.

***

Da qui a la fine sò tutte finali,

vanno sudate tutte dentro e fòri,

co tigna, voja e rabbia da imperiali.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Tommaso”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Tommaso”

**

Gesù Risorto apparze quela sera,

a li discepoli, giù anniscosti,

je disse: “Pace a voi. Li vostri posti?

P’er monno a divurgà la Vita Vera.

 ***

Ché lo Spirito Santo v’ha disposti

a perdonà peccati e in chi spera,

dà Amore e Pace a la Mia magnera,

mó ite senza che gnente ve sosti”.

 ***

In quela sera nun c’era Tommaso,

quanno che seppe de tutto ‘sto fatto,

disse: “Io nun ce credo, vò a naso.

 ***

Si nun lo vedo e nun tocco cor tatto,

de tutto questo nun so’ perzuaso”,

Così Gesù lo fece soddisfatto.

***

Tornò che c’era lui e nun a caso,

je disse: “Metti er dito e cor contatto

su le ferite, tocca raso raso”.

***

Tommaso lo sfiorò e disse attratto:

“Sei Tu Signore, su de Te me baso”,

Gesù rispose: “Credi, senza ‘st’atto”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***