Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Maggio, 2021

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

31 Maggio 2021

Monno de ladri

Monno de ladri

***

Er monno è sempre più tera de ladri:

avanti va er fìo de gran mignotta,

che pe la rabbia me ce viè la gotta,

strabbuzzo l’occhi fin’a fàlli quadri.

***

L’onesto, pe sudasse la pagnotta,

cià da tirà carette da mezzadri,

invece l’omo, fìo d’ignoti padri,

diventa ricco senza che se scotta.

***

E pure che lo becca la finanza,

cor maggistrato bono ner processo,

pe male che je va, sta in latitanza.

***

Ner caso sia, ma nun succede spesso,

ch’è condannato, pe bona creanza,

un’ora e già sta fòri cor permesso.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Maggio 2021

La Santissima Trinità

La Santissima Trinità

***

Capilla come pò un regazzino,

la Trinità ne le Sue tre perzone,

distinte, ma pe sempre in communione,

come pe dì che Dio è Uno e Trino.

***

Ciariva er còre, mica la raggione,

pulito come quello d’un bambino,

pe cui è ovvio: ce sta er Trio divino,

un Tre in totale e Uno in addizzione.

 ***

Da granne a l’occhio ch’ortre nun vò vede,

nun c’è discorzo che lo spieghi, tanto

lo pò capì sortanto co la Fede.

 ***

È solo grazzie a Lei che ‘st’incanto

se pò intuì così: Dio in cui crede,

er Padre, er Fìo e lo Spirito Santo.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

Poesie romanesche

29 Maggio 2021

Er sorcio de città e er sorcio de campagna – Trilussa

Er sorcio de città e er sorcio de campagna

***

Un sorcio ricco de la capitale,
invitò a pranzo un sorcio de campagna.
“Vedrai che bel locale,
vedrai come se magna!”
– je disse er sorcio ricco – “Sentirai!
Antro che le caciotte de montagna!
Pasticci, dorci, gnocchi,
timballi fatti apposta,
un pranzo co li fiocchi! Una cuccagna!
L’istessa sera er sorcio de Campagna,
ner traverzà le sale
intravvide ‘na trappola anniscosta:
“Collega” – disse – “cominciamo male,
nun ce sarà pericolo che poi … ?
“Macché, nun c’è paura”,
j’arispose l’amico qui da noi
ce l’hanno messe pe cojonatura.
In campagna, capisco, nun se scappa,
ché se piji un pochetto de farina,
ciài la tajola pronta che t’acchiappa;
ma qui, se rubbi, nun avrai rimproveri.
Le trappole sò fatte pe li micchi:
ce vanno drento li sorcetti poveri,
mica ce vanno li sorcetti ricchi.
 

Trilussa

_________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Maggio 2021

A Carla Fracci

A Carla Fracci

***

Si un nome e un cognome cià la danza

nun artri ce pò avé che Carla Fracci,

la regazzina che, pure du’ stracci,

grazzie ar sacrificio e a la costanza …

***

… è diventata er segno che li lacci

a sogni, desideri de ‘mportanza,

se sciojeno da soli, in tigna a ortranza,

pe chi li propi a sé tutti l’abbracci.

***

S’è fatta strada da la strada stessa,

è arivata fino in cima ar monno,

più umile, essenno principessa.

***

E grazzie a lei che tanti oggi ponno,

seguì ‘gni orma sua che resta impressa

e brilla tra le stelle in celo a sfonno.

***

Stefano Agostino

________________________

***

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

27 Maggio 2021

Cucina romanesca

Cucina romanesca

***

Esempi de cucina romanesca:

’na carbonara fatta co li fiocchi,

la gricia, un cacio e pepe o ’sti du’ gnocchi,

l’amatriciana o ’na puttanesca.

***

Frammezzi a cazzimpero de finocchi,

poi vòi la carne? Tiè, guarda che pesca:

pajata, trippa, abbacchio o, si te ’ntresca,

’na coda, un sartimbocca a rifà l’occhi.

***

Carciofi a la giudìa e coratella,

facioli, broccoletti e misticanza,

cicoria, fiore, fava e puntarella.

***

Sia che se cena, qui, sia che se pranza,

la tavola romana t’affratella,

nun serve solo pe riempì la panza.

 ***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Maggio 2021

San Filippo Neri

San Filippo Neri

***

Un santo, passaporto fiorentino,

ma ch’ha vissuto tutt’er tempo a Roma,

ar punto da ’ntuì e parlà ’st’idioma,

si nun è apostolo, ce va vicino.

**

Li tratti tutti sin dar cromosoma,

de chi soride ar sole der matino,

giullare più der mejo regazzino,

è San Filippo Neri cor diproma …

***

… de chi qui vive pe portà er Vangelo

e la Sua Gioia a stampo fisso in viso,

senza nisconne gnente dietr’a un velo.

***

Famoso “State boni” cor soriso

“ma si potete” e l’occhi dopo ar Celo,

pe dì: io preferisco er Paradiso.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

25 Maggio 2021

Er milite ignoto

Er milite ignoto

***

Chissà che penzerai tu da là dentro,

de tutto quer via-vai che ciài de sotto?

Co tempo der costume e der cappotto,

è sempre ’na fiumana in pieno centro.

***

Te ’mmaggino chiamà quer polizziotto,

da su l’artare e dije: “Io che c’entro?

Sò decisioni vostre, nun m’addentro,

ma che v’ho fatto pe pagà ’sto scotto?

***

Pure mazziato, ortre che cornuto,

so’ morto in guera, ma rimasi ignoto,

un milite nun più riconosciuto.

***

E tutt’er giorno tra machine e moto,

co ’sta Piazza Venezzia ch’è un imbuto,

riposo in pace solo ne le foto!”

***

Stefano Agostino

_________________________

***