Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Giugno, 2021

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

29 Giugno 2021

Campo de’ Fiori

Campo de’ Fiori

***

Giù propio in fonno a via de’ Giubbonari,

a quarche metro da Piazza Farnese,

Campo de’ Fiori pare quer paese,

che cià ’na vita sua, d’artri binari.

***

Perciò s’acchitta che pare un marchese,

fra un sueggiù de mestieranti vari,

come sonà un violino stradivari,

in mezzo a un gruppo de chitare accese.

***

Via-vai continuo de passeggiatori,

sotto a lo sguardo de Giordano Bruno,

co l’occhi che je sorteno de fòri.

***

Te credo, tutt’er giorno c’è raduno,

d’umanità tra li banchi de fiori,

a lui nun se lo copre mai nisuno.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Li Santi Patroni

Li Santi Patroni

***

San Pietro, pe via Appia, fòri porta,

stava quer dì fuggenno da li guai,

quanno incontrò Gesù: “Signo’, ’ndó vai?”

“A famme crocifigge un’artra vorta”.

 ***

Allora Pietro disse: “Nun sia mai:

’sta capa mia, da la memoria corta,

che me sia messa in croce, capovorta,

ma Tu Signore no, resta ’ndó stai”.

 ***

San Paolo fu, poi, decapitato,

ar Santuario de le Tre Fontane,

er capo a ’gni rimbarzo ha zampillato.

 ***

A chiede scusa pe ’st’esecuzzioni

de tutt’e due, a Roma j’arimane

d’aricordalli mó Santi Patroni.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

28 Giugno 2021

Li sette colli

Li sette colli

***

Er primo, ch’è er più antico, è l’Aventino,

se passa poi in rassegna ar Viminale,

a cui s’accoppia spesso er Quirinale,

li segue a rota sempre l’Esquilino.

***

Poi ce sta er Celio, ’ndó c’è l’ospedale,

der marinaro come de l’arpino,

vicino ar Colosseo, c’è er Palatino,

a chiude er Campidojo, più centrale.

***

È su ’sti colli che s’adaggia Roma,

pe fasse riccontà da li sonetti,

che escheno da soli in de ’st’idioma.

***

Così da fà quattordici verzetti,

uniti inzieme pe rimà l’assioma,

che Roma s’ama co preggi e difetti.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Giugno 2021

Dar Vangelo der giorno: “Talità kum”

Dar Vangelo der giorno: “Talità kum”

***

Giàiro, un capo de la sinagoga,

disse a Gesù: “Mi’ fìa sta tanto male,

te prego … viè a trovalla ar capezzale

e sarvaje la vita … pe ‘sta toga”.

***

Gesù rispose: “Er tuo pianto vale,

ma abbi fede, senza avé ‘sta foga,

tu’ fìa dorme … nun è morta e sfoga

‘gni tua paura p’er suo funerale”.

***

Annò da la bimbetta già sur letto,

co soli padre, madre e piccolina,

“Talità kum”, je disse ner dialetto …

**+

… che “Arzete!” vor dì … e la bambina

guarì eppoi Gesù disse diretto:

“Der fatto nun ne fate mai vetrina!”

***

Stefano Agostino

____________________

***

 

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

26 Giugno 2021

Er fanfarone

Er fanfarone

***

Vabbè l’èsse spacconi pe natura,

ma tu li batti tutti, amico caro,

perdoname, si te lo dico chiaro:

’gni tanto trova pure ’na misura.

***

A datte retta Rambo è un pataccaro,

e si quarcuno tenta un’avventura,

l’hai già vissuta tu, certo più dura,

e l’artro ’nvece è solo un fregnacciaro.

***

Hai visto tutti l’angoli der monno,

te sei sarvato, come lo sa Dio,

pe ’na frazzione de nanoseconno.

***

Ma quanno te ne esci co: “So’ io,

l’unico svejo tra morti de sonno”,

se incazzerebbe pure Padre Pio.

***

Stefano Agostino

____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

25 Giugno 2021

Fornari der Ghetto

Fornari der Ghetto

***

Tra li vicoli sparzi indentro ar Ghetto,

quanno ch’arbeggia, la matina presto,

le sole luci in mezzo ar buio pesto,

sò quelle lì de quarche caminetto.

***

Ma prima de ’sti lumi, viè più lesto,

l’odore che te penetra ner petto,

der pane appena fatto, co l’effetto

d’arisvejatte si nun t’eri desto.

***

Nun è solo un profumo, ma un’essenza,

tripudio de farina cott’ar forno,

che sa de casa, tant’è forte e intenza.

***

Ma sbrighete, ché quann’ariva giorno,

se porta via quer soffio de ’ncoscenza,

che nun lo pòi sapé si fa ritorno.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Giugno 2021

San Giovanni Battista

San Giovanni Battista

***

È stato, com’è noto, er Precurzore,

sin quanno ch’esurtò ner grembo incerto

de mamma Elisabbetta e ner deserto,

lui de Gesù, er nostro Sarvatore.

***

Giovanni fu er Battista, da Dio scerto,

pe preparà l’arivo der Signore,

pe convertì le genti e co fervore,

le battezzava in acqua, a còre aperto.

***

Pe corpa de ‘na tresca tra Re Erode

e la cognata, moje der fratello,

che lui più vorte denunciò, da prode, …

***

… morì decapitato, co un tranello

pe un ballo e ‘na promessa co la frode,

e rese gloria a Dio, ner Fìo, l’Agnello. 

***

Stefano Agostino

__________________________

***