Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Luglio, 2021

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

31 Luglio 2021

L’arzura

L’arzura

***

D’estate quann’è càllo e pe l’arzura,

er sole incoccia e t’aribbolle in testa,

gnent’artro ciài da fà, ossia te resta,

che tojete la sete che t’attura.

***

E appena che ce riesci è già ’na festa,

te sembra da fiatà da la calura,

quaranta gradi de temperatura,

’na puzza de sudore che t’appesta.

***

T’attacchi a la bottija de cannella,

che manco un dromedario ner deserto,

se ingozza er gargarozzo a garganella.

***

Ma quanno ch’hai finito, stanne certo,

che sarai tu a fàtte fontanella,

dovenno cόre ar cesso e pure sverto!

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

29 Luglio 2021

Er Ponentino

Er Ponentino

***

Chi s’aricorda er caro Ponentino?

Er vento che soffiava a tarda sera,

l’arietta alegra, frivola, leggera,

ch’arinfrescava Roma de marino.

***

Co l’afa che l’ha fatta priggiognera,

a ’sta città der Belli e der Pasquino,

de ’st’alito freschetto, frizzantino,

più der ricordo, resta la chimera.

***

Un’artra sciagurata conzeguenza,

de li stravorgimenti de ’sto clima,

dovuti a l’omo che nun cià coscenza.

***

Magara se tornasse come allora,

cor tempo e le staggioni come prima,

er Ponentino s’arzerebbe ancora.

***

Stefano Agostino

______________________

***

 

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

Medaja d’oro

Medaja d’oro

***

Cosa dev’èsse er podio pe un atleta:

stretta de mano e collo a la medaja,

avé lottato e vinto la battaja,

pe prenne er primo posto der pianeta.

***

Rappresentà l’azzuro in quela maja,

come dev’èsse l’attimo d’asceta,

ché nun lo pò rimà mai er poeta,

quanno arintona l’inno poi se squaja.

***

Ripaga de ’gni sforzo e sacrificio,

d’allenamenti intenzi e der sudore,

de pranzi e cene a acqua e dentifricio.

***

Un attimo che vale un tuffo ar còre,

che se colora d’oro ne l’officio

de quanno poi se ’nnarza er tricolore.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

28 Luglio 2021

La scerta der vaccino

La scerta der vaccino

***

Nun vòi vaccinatte? È ‘na tua scerta,

che io nun condivido, ma rispetto,

arivo presto ar punto der sonetto,

ciài da seguì però la strada offerta.

***

Nun è ‘na dittatura si prometto

sortanto cor vaccino porta aperta,

che nego a te che, guarda che scoperta,

rischi eccome ancora d’èsse infetto.

**

Nun hai voluto inoculà er vaccino,

pe le raggioni tue che nun commento,

ma nun pòi rompe e manco fà casino …

***

… si mó sortanto chi cià er documento

da immunizzato pò fà quer cammino,

che hai schifato dar primo momento.

***

Stefano Agostino

______________________

******

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

27 Luglio 2021

Er caffè

Er caffè

***

Er gusto sopraffino e quer sapore,

de quelli che ’ngongoleno narici,

che t’apreno pormoni e benedici,

chi l’ha inventato, gran benefattore.

***

La machinetta, in meno che lo dici,

borbotta e presto sbuffa de vapore,

passa un seconno, pieno de calore,

spanne l’aroma in mille direttrici.

***

Co macchia, ar vetro, corto o più ristretto,

espresso, lungo, freddo, in tazza granne,

o co un goccetto d’arcol, si è coretto.

***

So solo che si m’arzo che sto in panne,

appena sletargato ’ngiù dar letto,

senza caffè, io rimarei in mutanne…

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

25 Luglio 2021

L’atteggione

L’atteggione

***

Pe sbajo, amico, tu sei nato omo,

pe come te comporti da pavone,

co l’aria da gagà e d’atteggione,

co tutti l’artri mozzi e tu er nostromo.

***

Vestito sempre in tiro, da piacione,

te guardi l’artro da watusso a gnomo,

dietr’a l’occhiali a specchio, color cromo,

ciancichi er “chewing-gum” in continuazzione.

***

Er mejo ariesci a dàllo co le donne,

l’acchiappi tutte, nun ne sàrti una,

le metti in fila, come le colonne.

***

Peccato che ar dunque (o peffortuna),

prima de calà veli, carze e gonne,

te sgameno che sei un chiaro de luna!

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

La mortipricazzione de li pani e de li pesci

La mortipricazzione de li pani e de li pesci

***

“Ce sò du’ pesci e giusto cinque pani,

come potremo da sfamà ’sta gente,

venuta fino a qui? Chi se la sente

de dije ciao, a casa e a domani?”

 ***

Gesù rispose: “Nun je dite gnente,

contate quanti sò ’st’esseri umani.”

“Sò cinquemila e manco tutti sani”,

“Mó magneranno abbonnantemente”.

 ***

E detto questo arzò l’occhi ar celo,

e rese grazzie ar Padre Celeste,

spezzò quer pane, segno der Vangelo.

 ***

Magnarono le cinquemila teste,

er pane e er pesce e tutte co gran zelo,

sò avanzate poi dodici ceste.

***

Stefano Agostino

________________________

***