Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Luglio 25th, 2021

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

25 Luglio 2021

L’atteggione

L’atteggione

***

Pe sbajo, amico, tu sei nato omo,

pe come te comporti da pavone,

co l’aria da gagà e d’atteggione,

co tutti l’artri mozzi e tu er nostromo.

***

Vestito sempre in tiro, da piacione,

te guardi l’artro da watusso a gnomo,

dietr’a l’occhiali a specchio, color cromo,

ciancichi er “chewing-gum” in continuazzione.

***

Er mejo ariesci a dàllo co le donne,

l’acchiappi tutte, nun ne sàrti una,

le metti in fila, come le colonne.

***

Peccato che ar dunque (o peffortuna),

prima de calà veli, carze e gonne,

te sgameno che sei un chiaro de luna!

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

La mortipricazzione de li pani e de li pesci

La mortipricazzione de li pani e de li pesci

***

“Ce sò du’ pesci e giusto cinque pani,

come potremo da sfamà ’sta gente,

venuta fino a qui? Chi se la sente

de dije ciao, a casa e a domani?”

 ***

Gesù rispose: “Nun je dite gnente,

contate quanti sò ’st’esseri umani.”

“Sò cinquemila e manco tutti sani”,

“Mó magneranno abbonnantemente”.

 ***

E detto questo arzò l’occhi ar celo,

e rese grazzie ar Padre Celeste,

spezzò quer pane, segno der Vangelo.

 ***

Magnarono le cinquemila teste,

er pane e er pesce e tutte co gran zelo,

sò avanzate poi dodici ceste.

***

Stefano Agostino

________________________

***