Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Giugno 29th, 2021

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

29 Giugno 2021

Campo de’ Fiori

Campo de’ Fiori

***

Giù propio in fonno a via de’ Giubbonari,

a quarche metro da Piazza Farnese,

Campo de’ Fiori pare quer paese,

che cià ’na vita sua, d’artri binari.

***

Perciò s’acchitta che pare un marchese,

fra un sueggiù de mestieranti vari,

come sonà un violino stradivari,

in mezzo a un gruppo de chitare accese.

***

Via-vai continuo de passeggiatori,

sotto a lo sguardo de Giordano Bruno,

co l’occhi che je sorteno de fòri.

***

Te credo, tutt’er giorno c’è raduno,

d’umanità tra li banchi de fiori,

a lui nun se lo copre mai nisuno.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Li Santi Patroni

Li Santi Patroni

***

San Pietro, pe via Appia, fòri porta,

stava quer dì fuggenno da li guai,

quanno incontrò Gesù: “Signo’, ’ndó vai?”

“A famme crocifigge un’artra vorta”.

 ***

Allora Pietro disse: “Nun sia mai:

’sta capa mia, da la memoria corta,

che me sia messa in croce, capovorta,

ma Tu Signore no, resta ’ndó stai”.

 ***

San Paolo fu, poi, decapitato,

ar Santuario de le Tre Fontane,

er capo a ’gni rimbarzo ha zampillato.

 ***

A chiede scusa pe ’st’esecuzzioni

de tutt’e due, a Roma j’arimane

d’aricordalli mó Santi Patroni.

***

Stefano Agostino

________________________________

***