Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Maggio 13th, 2021

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

13 Maggio 2021

Cucine esotiche

Cucine esotiche

***

Cinese, africana, vietnamita,

franzosa, greca, basca, andalusa,

te piace sceje posti a la rinfusa,

magnà stragnero in de ’gni tua sortita.

***

Così co messicana, mista Usa,

thai, giapponese, turca, moscovita,

indiana, d’argentina, maronita,

e posti in cui de spezzie se n’abbusa.

***

Li gusti che sò giusti è sacrosanto,

ma armeno pe ’na sera a settimana,

magna nostrano, nun te dico tanto.

***

Ché tra “kebab” e “sushi” e robba strana,

pure da pronuncià, nun so più quanto

che nun te fai, pe dì, un’amatriciana!

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

Papa Giovanni Paolo II

Papa Giovanni Paolo II

***

Nun me ne voja mai l’omo de chiesa,

si quanno penzo ar Papa de ’sto monno,

penzo a Giovanni Paolo Seconno,

e chiedo scusa a l’artri, senza offesa.

***

Er fatto è che ’sta goccia è ita in fonno,

a tocchi a tocchi, lentamente è scesa,

m’è entrata dentro, fin’a famme presa,

sfiorannome ner centro der profonno.

***

E nun me scordo certo quer soriso,

tra acciacchi, guai, penzieri, danni e pene,

pe sempre acceso a illuminaje er viso.

***

Più de Natali e più d’Urtime Cene,

pe me ’na frase vale er Paradiso:

“SEMO ROMANI, VOLEMOSE BENE!”

***

Stefano Agostino

________________________

***