Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Maggio 23rd, 2021

La Roma in rima,Stagione 2020/21

23 Maggio 2021

Spezia – Roma

Spezia – Roma: 2-2

***

Un pari brutto, sporco e senza storia,

da du’ go’ sotto, poi recuperati,

da Faraone e Miki infilati,

che però basta pe nun fà cicoria.

***

Settimo posto cià li connotati,

de la Conference League  pe Trigoria,

de certo nun te vale mai la gloria,

ma de giocà in Europa s’è chiamati.

***

Un campionato che pe com’è ito,

nun c’è difficortà a dillo chiaro,

è ‘na fortuna che qui sia finito.

***

Speranno ner futuro meno amaro

le basi ce sò già e arzi er dito

chi nun lo vede mejo co quer varo.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

La Pentecoste

La Pentecoste

***

S’udì un rimbombo provenì dar Celo,

come spirà de vento tempestoso,

che s’abbatté ’ndó staveno a riposo,

l’Apostoli e Maria, dopo fu er gelo.

 ***

A un tratto un fatto granne portentoso:

lingue de fiamma su ’gni testa e velo,

s’annarono a piazzà, grazzie a lo zelo

der Santo Dio in Spirito glorioso.

 ***

E da quer punto, frutto de quer Segno,

sapeveno parlà lingue niscoste,

de ‘gni paese ar monno e de ’gni ingegno.

 ***

Parlaveno de Bibbia, senza soste,

der Signore Gesù e der Suo Regno,

ner giorno esatto de la Pentecoste.

***

Stefano Agostino

____________________________

***