Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Aprile 3rd, 2021

La Roma in rima,Stagione 2020/21

3 Aprile 2021

Sassuolo – Roma

Sassuolo – Roma: 2-2

***

Un pari che nun serve guasi a gnente,

nun certo più ormai p’er quarto posto,

c’era da vince qua, semmai piuttosto,

pe conzervà speranza ch’ar presente …

***

… praticamente è nulla, qui è tosto,

anche un piazzamento ben decente,

pe un posto in Europa uguarmente,

dal lato ch’è minore e più nascosto.

***

C’è ancora modo, e manco da poco,

pe tené in piedi arta l’attenzione

e nun mollà de certo adesso er gioco.

***

C’è er quarto de finale, l’occasione,

pe mette dentro tuto e accenne er foco,

vietata ‘gni artra mezza distrazzione.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

Sabbato Santo

Sabbato Santo

***

È un giorno de silenzio e de preghiera

e in generale de raccojimento,

pe fà rifrette, pe quarche momento,

su ch’è successo fin’a ieri sera.

 ***

Pure ’gni campanile resta spento,

in segno de rispetto e de sincera

voja de pace, dorce e più leggera,

e stà tutti in attesa de l’evento.

 ***

È er giorno, credo l’unico sortanto,

ch’è come profumato de l’aroma,

che nun se pò spiegà, ma lo fa Santo.

***

Se chiude co la Veja che prodroma,

a la gran Festa dar più mejo canto:

er coro de campane in tutta Roma.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***