Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Marzo, 2021

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

31 Marzo 2021

Passione de Gesù Cristo: “Pilato e Barabba”

Passione de Gesù Cristo: “Pilato e Barabba”

***

I

Gesù fu conzegnato a Pilato.

che lo interogò: “Ma Tu chi sei?”

“È vero che sei Re de li Giudei?”,

– “So’ io, sì” – Gesù j’ha repricato.

***

“Da quale Regno venghi, quali dèi?”,

Pilato domannò preoccupato,

ma Lui nun j’arispose più un fiato,

pur accusato più de cento rei.

***

Pilato lo incarzava, ma Lui gnente

restava zitto mentre, piano piano,

c’era er palazzo già pieno de gente …

***

… pe chiede a Pilato, er pretoriano,

de crocifigge quer sangue innocente,

ché lo poteva fà solo un romano.

***

II

Pilato nun sapeva che decide,

in Lui nun ce trovava ‘na condanna:

… perché ammazzallo? … eppoi perché s’addanna

‘sta folla intera che lo vò uccide?

***

E si la mente ancora nun me ‘nganna,

(così penzò ner mentre che lo vide),

è regola de libberà, e nun stride,

un condannato a Pasqua, come manna.

**

Così rimise ar popolo la scerta,

tra chi fà vive e condannà n croce,

“Gesù … Barabba?  Dite a la sverta!”

***

La folla sobbillata, a gran voce:

“Sarva Barabba e fa’ sia cosa certa,

morì Gesù, ner modo più atroce”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Marzo 2021

Dar Vangelo der giorno: “entrata in Gerusalemme”

Dar Vangelo der giorno: “entrata in Gerusalemme”

***

Fu osannato, entrò in Gerusalemme,

in sopr’a a un asinello co la folla,

che tutta quanta intorno, tipo colla,

lo esartava come Re co gemme …

***

… la stessa gente che dopo lo molla,

a quer tre vorte Santo de Betlemme,

da Maestà co gigantesca “emme”,

a omo d’ammazzà, ché tutto crolla.

***

Un asino l’aveva riscallato,

in de la Grotta quela notte Santa,

un asino quer dì l’ha accompagnato.

***

L’osanna de la gente che se vanta,

d’avello conosciuto e incontrato,

che poi lo mette in croce e là lo pianta.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

27 Marzo 2021

Ora legale

Ora legale

***

Te spiego che vor dì l’ora legale:

’gni vorta quann’è tempo tocca fàllo,

e nun se sa perché, rimane un giallo,

ritorna tutti l’anni micidiale.

***

’Gni orologgio c’è da rispostallo

un’ora avanti, pure che va male,

ma tocca fà così, è ufficiale,

quanno s’allunga er giorno e fa più càllo.

***

A l’urtima domenica de marzo,

sessanta li minuti in avanti,

pe tutti l’orologgi, pur’ar quarzo.

***

Li giri de lancette devastanti,

ché quann’è lunedì, prima che m’arzo,

ce vò ’na gru pe carichi pesanti.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

26 Marzo 2021

L’arba

L’arba

***

’No squarcio, tutt’a un tratto, taja er nero,

che move dar profonno de l’oriente,

come un bajore d’attimo fuggente,

che torna sempre a disegnà mistero.

***

S’azzitta er monno e nun se sente gnente,

aspetta de vedé si è propio vero,

che quela luce poi nun è un cero,

ma primo raggio der sole nascente.

***

E in quer momento, eterno finché dura,

un’aura rosa tigne tutt’attorno,

che sveja er celo e in tera ’gni cratura.

***

S’accenne er monno, pronto p’er ritorno,

a comprà vita da Madre Natura,

co l’arba nova de un novo giorno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

25 Marzo 2021

La Divina Commedia

La Divina Commedia

***

Nel mezzo del cammin di nostra vita …

… l’amor che move il sole e l’altre stelle”.

tra l’opere de l’omo, le più belle,

questa de certo la mia preferita.

***

Perzino a scòla, fatta da ribbelle,

studianno pe strappà quer sei d’uscita,

a lègge la “Commedia” più ardita,

sentivo un’emozzione come a pelle.

***

Inferno, Purgatorio, Paradiso,

quarcosa de tarmente gigantesco,

che pare che Dio stesso ha condiviso.

***

‘Gni verzo, dar più arto ar più grottesco,

te porta dentr’ar canto e, a l’improviso,

 te trovi immerzo ner viaggio dantesco.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

23 Marzo 2021

A Roma mia

A Roma mia

***

Adoro ’sta città de campanili,

de tetti, case, cupole e mattoni,

de strade strette, vicoli e portoni,

de monumenti, vie, piazze e cortili.

***

Adoro ’sta città de chiese e sòni,

negozzi enormi e fiere mercantili,

de ville, ponti, argini e pontili,

de trattorie, de sogni e de canzoni.

***

Adoro ’sta città de luce eterna,

centro der monno da li tempi antichi,

de vita attiva sempre, ’na cisterna.

***

Adoro ’sta città de tutti amichi,

de gente alegra, pure che je ’nverna:

“noi semo noi, ahó, no pizza e fichi”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

Er Tevere

Er Tevere

***

’Gni giorno che te ’ncrocio de passaggio,

te guardo come fussi mi’ fratello,

pe un attimo, quann’esco dar bordello,

me pare de tuffamme ner miraggio …

***

… ’ndó ce sto io che sargo sur battello,

che guasi me salassa cor pedaggio,

e lento lento ammiro er paesaggio,

de Roma nostra vista dar più bello.

***

Tant’anni fa t’hanno chiamato “bionno”,

pe via de li rifressi color oro,

de brillantina d’acqua fin’ar fonno.

***

Ma oggi li “sapienti” der decoro,

t’hanno cambiato ponti, tinte e sfonno,

pe l’anima de li mortacci loro.

***

Stefano Agostino

________________________

***