Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

3 Marzo 2021

Er quartino

Er quartino

***

Sarò avvinazzato …embè?… pazzienza,

ma io nun ciarinuncio a un ber quartino,

nun è magnà de gusto, senz’er vino,

rosato, bianco o rosso a l’occorenza.

***

È er frutto de la vite ch’è divino,

ne la fojetta c’è la quintessenza,

der succo d’uva e de tutta la scenza,

che pò conosce solo er contadino.

***

In vino veritas” – detto in moderno,

vòr dì che l’èsse astemi è già bucìa,

pe chi è buciardo er posto è ne l’Inferno.

***

E p’evità ’sta fine c’è ’na via,

fasse un goccetto e un brindisi fraterno,

ch’er mejo sorzo è quello in compagnia.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Sarò avvinazzato …embè?… pazzienza,
    ma io nun ciarinuncio a un ber quartino,
    nun è magnà de gusto, senz’er vino,
    rosato, bianco o rosso a l’occorenza. …

    Comment by Stefano — 3 Marzo 2021 @ 06:49
  2. “Meglio essere ubriachi che infami: a noi domani ce passa”.
    “Il bere trionferà sul male”.
    “Ci sono due cose che un uomo non può nascondere: quando è ubriaco e quando è innamorato”.
    Mi vengono subito in mente queste e molte altre frasi divertenti sull’argomento vino e ubriachezza, ma se è vero che essere astemi fa dire bugie perché solo “in vino veritas”, la verità più grande è sempre “…ch’er mejo sorzo è quello in compagnia”!

    Comment by Silvio — 3 Marzo 2021 @ 09:55
  3. Quindi…….
    Alla Salute Amici!

    Comment by romano cb — 3 Marzo 2021 @ 10:56
  4. Sonetto moooolto carino! detto questo voglio dire che io non sono bugiarda, sono astemia! Bella fregatura!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 3 Marzo 2021 @ 11:26

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>