Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Agosto, 2022

La Roma in rima,Stagione 2022/23

30 Agosto 2022

Roma – Monza

Roma – Monza: 3-0

***

La Roma vince e già basta ‘sto verzo,

pe chiude ‘sto sonetto in alegria,

ma pe la JOYA vera e fantasia,

nun se pò nun rimà, né mannà perzo …

***

… quer ch’ha fatto DYBALA su la scia

de un lancio, tocco d’Abraham de traverzo,

poi corza solitaria e come scherzo,

quer tiro che da solo è poesia.

***

Nun pago ha segnato poi ancora,

prima de Ibanez e der tre a zero,

serata ch’è perfetta e già s’adora …

***

… quer nummero 21 … che davero,

è in grado de dà gioia che riaffiora,

basta penzà che era bianconero.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

Er mestiere più antico

Er mestiere più antico

***

Tra li mestieri, quello più antico,

è de la donna addetta ar “meretricio”,

che tomo tomo, cacchio, micio micio,

cià tanti nomi, che nun v’aridico.

***

Due sò li modi de prestà ’st’ufficio:

quello pe strada, più rischioso e fico,

e quello a casa, pure de un amico,

da l’antipasto fino ar dentifricio.

***

Ma si ce vai e nun sei mica fesso,

sai già ch’è pe un’oretta de calore,

du’ coccole, preludio de un amplesso.

***

Un conto è er fatto de la donna a ore,

ben artra cosa è quanno fa lo stesso,

la zoccola che te chiamava amore.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Agosto 2022

San Giovanni Battista

San Giovanni Battista

***

È stato, com’è noto, er Precurzore,

sin quanno ch’esurtò ner grembo incerto

de mamma Elisabbetta e ner deserto,

lui de Gesù, er nostro Sarvatore.

***

Giovanni fu er Battista, da Dio scerto,

pe preparà l’arivo der Signore,

pe convertì le genti e co fervore,

le battezzava in acqua, a còre aperto.

***

Pe corpa de ‘na tresca tra Re Erode

e la cognata, moje der fratello,

che lui più vorte denunciò, da prode, …

***

… morì decapitato, co un tranello

pe un ballo e ‘na promessa co la frode,

e rese gloria a Dio, ner Fìo, l’Agnello. 

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Agosto 2022

Dar Vangelo der giorno: l’invitato a nozze

Dar Vangelo der giorno: l’invitato a nozze

***

Je disse: “Quanno che tu sei invitato,

intenno dì a le nozze e c’è er banchetto,

nun sceje mai er posto più perfetto,

er mejo e er più vicino ar festeggiato.

***

Ché nun ce sia chi pe maggior rispetto,

de te che ar primo posto eri piazzato,

fa sì che sei scarzato e aretrato,

a l’urtimo poi propio pe dispetto.

***

E quanno fai un banchetto er tuo invito

nun fàllo a l’amichi e a li parenti,

pe èsse poi lor ospite servito.

***

Tu chiama zoppi, cèchi e nun abbienti

o chi sta sempre in bianco aripulito,

Dio ricompenzerà ‘st’intennimenti”.

a***

Stefano Agostino

______________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2022/23

27 Agosto 2022

Juventus – Roma

Juventus – Roma: 1-1

***

Granne pareggio che dà convinzione,

se esce da ‘sto stadio a testa arta

e questo già ce basta e un po’ c’esarta,

visto er passato e in più la condizzione.

***

Subbito sotto e guasi ce se ‘ncarta,

rischianno grosso in più de un’occasione,

pe tutto er primo tempo e co ‘gni azzione

che fanno loro e nun t’entra ‘na carta.

***

Ma ner seconno tempo c’è la svorta,

co l’assist de Dybala e go’ de testa

de Abraham ritornato a fà rivorta.

***

Un pari che così quarcosa attesta,

che c’è ‘na squadra tosta sottoporta

ar centro e in difesa sempre desta.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

Nun so’ un jukebox

Nun so’ un jukebox

***

Nun so’ un “jukebox”, che manni giù er gettone

e a commanno ecchite un sonetto,

me serve che arismova dentro ar petto,

quarcosa che m’ispiri un’emozzione.

***

Senza quela scintilla co ’st’effetto,

nun ce potrà mai èsse traduzzione

in verzi, rime e strofe d’occasione,

ma solo robba ch’è da gabbinetto.

***

E scusa pe ’sto sfogo artezzoso,

è er modo tutto mio pe segnà er tratto,

tra quanno scrivo un verzo e m’ariposo.

***

Si nun c’è gnente che me scalla er tatto

e me cattura senza che lo doso,

nun posso sonettà e me ne sbatto.

***

Stefano Agostino

___________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

26 Agosto 2022

L’educazzione

L’educazzione

***

Ormai stamo ar punto che un “bongiorno”,

o dì “salute” dopo ’no stranuto,

sò usi antichi degni de un vissuto,

ch’è d’abbrucià diretto ’ndentro ar forno.

***

Ce costa troppo spenne quer saluto,

ch’è tempo perzo, senza arcun ritorno.

“Che me viè in tasca? Un benamato corno,

nun posso mica perde quer minuto!”

***

Ché “grazie, prego, scusi e per favore”,

strigne la mano o dà la precedenza,

sò cose tutte d’epoca inferiore.

***

Ma chi se cura più, chi mai ce penza,

d’arispettà l’anziano, èsse signore?

L’educazzione è tutta ’na scemenza.

 ***

S’ariverà un ber giorno in cui se mòre,

senza un saluto a chi ce lassa e senza

nemmanco un “ciao” guarnito co un fiore.

***

Stefano Agostino

______________________

***