Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Luglio, 2022

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Luglio 2022

Dar Vangelo der giorno: “er granaio der ricco”

Dar Vangelo der giorno: “er granaio der ricco”

***

Gesù poi fece: “C’era un omo ricco,

co un gran raccorto, tanto che ar granaio,

che già ciaveva lui disse lo sdraio,

ne faccio uno ch’è più grande e appicco…

***

li feri der mestiere ar chiodo e gaio

poi m’ariposo come ‘no sceicco,

io spenno e spanno, er volo mio lo spicco,

e nun lavoro più da Tizzio o Caio.

***

De sòrdi ce n’ho tanti in abbonnanza,

pe fà ‘na vita de divertimento,

de libbertà, de pace e de vacanza…

***

Ma propio quela notte un mancamento

e se n’è ito e ‘gni sua sostanza

ch’ha accumulato è ita via cor vento”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

30 Luglio 2022

Er mejo amico

Er mejo amico

***

Er mejo amico è quello che t’aspetta,

che te sa sta vicino quanno occore,

che pure ’ncasinato, prenne e cόre,

pe dàtte tempo, orecchio, mano e retta.

***

Er mejo amico nun cià da discore,

j’abbasta un’occhiata in tutta fretta,

ha già capito tutto e se staffetta,

pe ditte ’na parola e dà calore.

***

Er mejo amico è er “semprepresente”,

quello che nun se chiama e nun se ’nvita,

ma si nun viè, je faccio sartà un dente.

***

Er mejo amico è chi, si stai in salita,

sa bene quann’è er tempo de fà gnente

e quanno quello de sarvà la vita.

**+

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

29 Luglio 2022

La vista

La vista

***

Quanno che apri l’occhietti appena svejo,

l’attimo prima che poi t’arzi in piedi,

si guardi attorno e noti che ce vedi,

t’accorgi che nun c’è gnente de mejo.

***

Er Sole manna un raggio e lì te chiedi,

ner pieno centro de ’sto dormivejo,

quanto pò èsse bello quer risvejo,

e su l’aspetti tristi soprassiedi.

***

Già in HD e tridimenzionale,

’na gamma de colori arcobbaleno,

che te pò dà sortanto ch’er reale.

***

Magara sbajerò a vedé er sereno,

pure ner celo nero a temporale,

ma nun me ne pò mai fregà de meno!

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

28 Luglio 2022

Sonnetti

Sonnetti

***

Me piace quanno è sera prenne un fojo

e mette assieme un paro de verzetti,

gnente de che, abbozzi de sonetti,

ma scritti in libbertà e senza imbrojo.

***

Nun è che l’artri nun ciànno ’st’aspetti,

ma a vorte dànno pena e quarche scojo,

invece questi, lisci come l’ojo,

sorteno senza affanni e più diretti.

***

Sarà ch’er tempo, ar fonno de la sera,

concija intimità prima der sonno,

pe fà riassunto a ’na giornata intera.

***

Sarà che pe specchiasse in der profonno,

quanno ch’er buio avanza e er celo annera,

abbasta dà la bonanotte ar monno.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

27 Luglio 2022

La panzetta

La panzetta

***

“Omo de panza, omo de sostanza”:

così recita er detto popolare,

un modo, pure troppo elementare,

pe cardeggià la trippa che t’appanza.

***

L’accenno de panzetta è regolare,

va a braccetto co l’età che avanza,

ma artro è dà un’idea de gravidanza,

che barza a l’occhi, speciarmente ar mare.

***

Nun so’ un malato de la “tartaruga”,

ma manco un “fan” der “lardominale”

che spanza in qua e de là sur bagnasciuga.

***

Abbasta un po’ de sport, che nun fa male,

senza fà diete a ciancicà lattuga,

pe sgonfià er ventre pure marzupiale.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Luglio 2022

Li nonni

Li nonni

***

Sò padri e madri, tutto a la seconna,

mortipricano er senzo de famija,

se fanno in quattro, senza batte cija,

pe li nipoti – chi? – Sò nonno e nonna.

*** 

Combatteno più chi co ’na pastija,

chi cor bastone, chi in quarche madonna,

chi co ’na copertina, chi s’assonna,

batuffolo in piggiama de cinija.

 ***

Ma tra l’acciacchi troveno er soriso,

d’arigalà ’gni sempre ar nipotino,

ne l’occhi che sbrilluccicheno er viso …

 ***

… che ce fa compagnia su ’sto cammino,

anche si stanno tutti in Paradiso,

dentro un ricordo dorce da bambino.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Luglio 2022

Er Cammino de Santiago

Er Cammino de Santiago

***

Inzieme a la Francigena, er Cammino

che da li Pirenei porta a Santiago,

è certamente er posto pe dà spago,

sia che ar viandante, sia che ar pellegrino.

***

Pe chi cià un desiderio ch’è mai pago,

de strigne relazzione cor Divino,

chi cià bisogno de trovà er destino,

chi pe recuperà si a Fede è vago.

***

E sin dar Medioevo pe ‘sto viaggio,

che emula San Giacomo Maggiore,

c’è Compostela pe pellegrinaggio.

***

Chilometri ottocento de sudore,

de rifressione, de preghiera e aggio,

de chiacchierà da soli cor Signore.

***

Stefano Agostino

_____________________

***