Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

16 Luglio 2016

La “Festa de Noantri”

La “Festa de Noantri”

***

Festa trasteverina ar ber ricordo

de la Madonna detta “fiumarola”,

che prese er nome, appunto, o la parola

da la statua trovata lungo un fiordo…

***

… a la foce der Tevere, da sola,

bella,  tutta dipinta fin’ ar bordo,

che, storia e tradizzione sò d’accordo,

Roma sarvò da ‘na tempesta viola.   

***

La festa de Noantri, pe dizzione,

se celebbra a Trastevere ‘gni anno

a fine lujo, come da copione.

***

Co l’abbitanti che pe giorni fanno

fà a ‘sta Madonna un giro, in processione,

p’er fiume e p’er quartiere … pe rimanno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Passeno l’anni, ma le tradizzioni areggheno ancora, magara muteno, cambieno e forze perdeno ‘n pò der fascino de ‘na vòrta.
    Cmq ha da esse’ ancora bello poteccese aritrova’.
    Un pò de nostargia pe li tempi che fureno, penzo che nun guasta.

    Comment di 'svardoASR'29 — 17 Luglio 2013 @ 12:03
  2. Finalmente mi siedo al pc e trovo questo bel sonetto che mi riporta indietro nel tempo. Che nostalgia!

    Comment di letizia — 17 Luglio 2013 @ 20:15
  3. Io da piccola ho abitato a Trastevere ma non ho gran che memoria di tale festa (beh avevo anche 8 anni)

    Comment di principessa — 19 Luglio 2013 @ 21:46
  4. Festa trasteverina ar ber ricordo
    de la Madonna detta “fiumarola”,
    che prese er nome, appunto, o la parola
    da la statua trovata lungo un fiordo… … (continua)

    Comment di Stefano — 9 Luglio 2016 @ 14:04
  5. Spero che anche quest’anno la Festa de Noantri si possa festeggiare IN PACE.
    Buon Sabato!

    Comment di letizia — 16 Luglio 2016 @ 12:48
  6. Eh, se c’è la festa de noantri, bisogna partecipare, mica si può stare sempre in montagna! Ieri siamo tornati da Pinzolo, un viaggio allucinante, con A22 e A1a traffico bloccato, peggio del GRA. Ci abbiamo messo quasi 11 ore per arrivare a casa, una follia.
    Ma rimangono immagini, odori, sapori ed emozioni di questi giorni. Due cose su tutte: il piacere di vedere tanti romanisti non di Roma: ho conosciuto vicentini, bolognesi, milanesi… giallorossi sin nel midollo, e lo credo bene, non è facile tifare Roma furi il raccordo, e se lo fai, vuol dire che sei tosto. E poi l’impegno dei giocatori in allenamento: spingono, entrano duro, si incazzano quando sbagliano un tiro, un passaggio… non so se quest’anno vinceremo qualcosa, ma buone premesse ci sono. E infine, un Mister immenso, pazienza infinita con i tifosi e nessun problema se c’è da aiutare a spostare porte o piazzare cinesini o raccogliere palloni.
    Se giochiamo a figurine la Rubentus è imbattibile. Ma se giochiamo a calcio con Uomini veri, non è detto che vincano gli strisciati.
    SCDFR

    Comment di Pablo BigHorn — 16 Luglio 2016 @ 17:08
  7. Bon pomeriggio. Me ricordo artri tempi pe’ sta festa: er palco de li poeti a braccio, stornellatori ‘mprovvisati, nun c’ereno ‘e pizzerie a tajo, ma t’arangiavi cor porchettaro, cocomerari a josa, giostre e giochi varì e ner complesso: ‘na gran festosa confusione. Viale der RE (ops) Viale de Trastevere, era ‘mpraticabbile.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 16 Luglio 2016 @ 17:27
  8. Vojo ave’ ‘a fiducia sur finale der poste de Pablo, ma so’ pure scaramantico o mejo scarantico, alla fine è solo ‘na sillaba “ma” de differenza.

    Comment di Romamor AsR29 — 16 Luglio 2016 @ 17:31

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>