Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

13 Aprile 2021

Cane e padrone

Cane e padrone

***

Nun so ancora chi era er più vecchio:

si l’omo, scrocchiazzeppi rincarcato,

o er cane suo, da sempre appennicato,

co ’na macchietta bianca inzù l’orecchio.

***

Er punto è che ’sto duo rattoppato,

era ’na coppia fissa in de ’no specchio,

che t’ariguardi dentro de sottecchio,

vedennote rifresso spiccicato.

***

In due se stracinaveno a zonzo,

er cane cor padrone e viceverza,

guasi ’na gara a chi era più sbronzo.

***

So solo che me manca, mó disperza,

quela scenetta viva che, da stronzo,

penzavo fusse solo vita perza.

***

Stefano Agostino

_______________________

**+

  1. Nun so ancora chi era er più vecchio:
    si l’omo, scrocchiazzeppi rincarcato,
    o er cane suo, da sempre appennicato,
    co ’na macchietta bianca inzù l’orecchio. …

    Comment by Stefano — 13 Aprile 2021 @ 06:16
  2. Ogni vita è preziosa, ogni età ci insegna qualcosa e ogni attenzione o carezza non andrà perduta agli occhi di Dio!

    Comment by Silvio — 13 Aprile 2021 @ 09:32
  3. Un piacere leggieve!

    Comment by romano cb — 13 Aprile 2021 @ 10:12
  4. Bellissimi versi, magnifico commento di Silvio! E non aggiungo altro.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 13 Aprile 2021 @ 10:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>