Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Luglio 2013

A Letizzia e ‘Svardo

A Letizzia e ‘Svardo

***

Sonetto che sto a scrive co ritardo,

ma mejo tardi, si ‘sto tardi inizzia,

perch’è pe aringrazzia prima Letizzia,

pe ‘na galanteria, poi er sor ‘Svardo.

***

Nun c’è un lettore mio che nun me sfizzia,

nun faccio preferenze da infingardo,

ma vojo esprime un grazzie nun buciardo

a chi nun fa mancà ‘na sua notizzia.

***

E ‘Svardo co Letizzia sò presenti

pe tutto l’anno senza interuzzione,

siglanno la lettura co commenti.

***

E a dije grazzie nun ciò mai occasione,

nun sò mai pochi li ringrazziamenti,

pe ‘Svardo e pe Letizzia sò a raggione.

***

Stefano Agostino

_______________________

  1. Bongiorno Ste’, t’aringrazio der sonetto dedicato, ma chi ha da ringrazia’ so’ io che, se pò di’, co li sonetti tua me ce scandisco ‘a giornata. Te leggo pure su FB. Co l’occasione te manno pure li saluti de …. Rambaldo.

    Comment di 'svardoASR'29 — 29 Luglio 2013 @ 08:37
  2. Buongiorno Stefano! Che bella sorpresa: è la prima volta che un poeta mi dedica un sonetto (anche se in condominio, tra l’altro molto gradito). Sono io, comunque, che devo ringraziarti, per le belle cose che quotidianamente scrivi e che mi fa piacere leggere.

    Comment di letizia — 29 Luglio 2013 @ 08:55
  3. Grande sonetto!
    Un applauso al Poeta e un applauso alle Muse che hanno ispirato il sonetto: Letizia e Svardo!

    Comment di Pablo BigHorn — 29 Luglio 2013 @ 15:28
  4. Sei un Grande Stè….e semplice come piace a noii.

    Comment di Bariggio — 29 Luglio 2013 @ 18:24

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>