Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Settembre 2019

Dar Vangelo der giorno: “Dio e mammona”

Dar Vangelo der giorno: “Dio e mammona”

***

“Nun pòi dà retta, amico, a du’ padroni,

sinnò finisce che fai preferenze,

e ne l’amalli usi differenze,

e, sta’ sicuro, fai li paragoni.

***

Nun s’ha da èsse, no, pozzi de scènze,

pe dì e spiegasse mejo che, in sòrdoni,

nun se pò èsse servi giusti e boni,

a servì Dio e amà artre potenze.

***

Nun se pò èsse schiavi der denaro

e mette ner contempo, ar centro Dio,

ché un ricco in Cèlo va mórto de raro.

***

Passa prima un cammello in cruna d’ago

che un ricco a annà vedé er Padre Mio,

… ce l’ho co te, perciò nun fà er vago!”

 ***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Veramente bella questa spiegazione del Vangelo: non si possono avere due padroni!

    Comment di letizia — 21 Settembre 2013 @ 17:39
  2. E’ da ieri che ce penzo pe’ trova’ ‘n commento adatto. Nun se tratta solo de afferma’ er concetto, che, se servi du padroni, a uno lo servi co’ devozzione e l’artro lo tradisci cmq. C’è ben artro; c’è cher ce vòle umirtà e tanta fede. Cose difficili de trova’ ner genere umano, andove prevale l’egoismo e nun ne semo esenti gnisuno
    ..

    Comment di 'svardoASR'29 — 22 Settembre 2013 @ 10:35
  3. “totti è finito”, recitano i blogs sciapiti http://www.forzaroma.info/2013/09/22/roma-lazio-il-web-biancoceleste-ormai-campiamo-di-rendita-totti-e-finito/264325

    Questi se la tirano proprio… peggiopelloro.
    “Passa prima un cammello in cruna d’ago
    che un lanziele a vedè er colosseo. Biancasuro,
    … ce l’ho co te, perciò nun fà er vago!”

    Comment di Pablo BigHorn — 22 Settembre 2013 @ 11:47
  4. “Nun pòi dà retta, amico, a du’ padroni,
    sinnò finisce che fai preferenze,
    e ne l’amalli usi differenze,
    e, sta’ sicuro, fai li paragoni. … (continua)

    Comment di Stefano — 18 Settembre 2016 @ 07:37
  5. Bongiorno. Quanno se tratta der Santo Vangelo, c’è solo da di’: “Credo”; e comportasse de conseguenza. Purtroppo la mente è cosa umanamente labile e, pur pensanno d’esse’ credente, te scordi de come t’hai da comporta’. Pochi so’ coerenti e quella cruna se fa’ sempre più strerta.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 18 Settembre 2016 @ 12:04
  6. “Non affatichiamoci ad accumulare e a conservare ricchezze, mentre altri soffrono la fame”: siamo nati nudi e ce ne andremo nudi!
    Buona Domenica.

    Comment di letizia — 18 Settembre 2016 @ 13:01
  7. Bellissimo sonetto! Dio deve essere sempre il primo nella nostra vita. Non dobbiamo infatti essere schiavi dei beni terreni: è il Signore il nostro unico e vero bene.
    Buona Domenica.

    Comment di letizia — 22 Settembre 2019 @ 13:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>