Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Settembre 2016

Dar Vangelo der giorno: “er riccone e er poveraccio”

Dar Vangelo der giorno: “Er riccone e er poveraccio”

***

I

Un magnaccione pieno assai de grano,

se dava a li banchetti e un poveraccio

lì in su la porta sua co quarche straccio,

chiedeva da magnà un avanzo invano.

***

Er povero morì e, pe un fattaccio,

er ricco pure, ma diverzo er piano

p’er primo er Paradiso e l’artro, sano,

tirato giù a l’Inferno, ar peggio braccio.

***

L’ex ricco chiese a Abramo: “Pe favore,

me pòi mannà un po’ d’acqua, ciò ‘na sete,

in mezzo a ‘sto gran foco e ‘sto calore?

***

Ve prego, fate presto su, corete,

nun ce la faccio a sopportà er dolore,

‘sta fiamma che me brucia, nun sapete”.

***

II

***

Ma Abramo j’arispose: “Nun lo sai,

che tra voi e noantri in Paradiso,

ce sta un abbisso che terà diviso,

pe sempre chi sta “Qui” e chi tra guai.

***

E allora quello ar fòco, tutto intriso

de gran tristezza, disse: “Allora vai,

da li’ fratelli vivi, a cui dirai

de nun fà come me, senza un soriso”.

***

Abramo replicò: “A ‘sti fratelli,

che ciànno già Mosè e li Profeti,

nun je serveno artri campanelli.

***

Si nun vonno seguì leggi e decreti,

manco a mannà li morti da ‘st’avelli

je dànno retta … è inutile che mieti!”

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. SAto strazzio ‘nfernale avrebbe da capità a li politici, banchieri, ‘ndustriali, associati de murtinazzionali etc etc etc (salute), tanto nun ce credeno, pure si se vanno a batte er petto ‘n de le chiese, sinagoghe o moschee.
    E’ giusta l’urtima terzina. C’è da di’ ‘n pochi ce credeno veramente ‘n pò, er più de la gente, de oggi, è mòrto scettica.
    Quanto sarà granne l’inferno pe’ contenecce tutti?

    Comment by 'svardoASR'29 — 29 Settembre 2013 @ 10:38
  2. A che serve ammucchiare tante ricchezze quando non si potranno portare nell’aldilà? E che mondo lasceremo ai nostri figli, visto che lo stiamo saccheggiando peggio dei barbari!?

    Comment by letizia — 29 Settembre 2013 @ 14:25
  3. Un magnaccione pieno assai de grano,
    se dava a li banchetti e un poveraccio
    lì in su la porta sua co quarche straccio,
    chiedeva da magnà un avanzo invano. … (continua)

    Comment by Stefano — 25 Settembre 2016 @ 08:39
  4. Si nun vonno seguì leggi e decreti,
    manco a mannà li morti da ‘st’avelli
    je dànno retta … è inutile che mieti!”
    ***
    Stefano Agostino
    __________________________
    ***
    Tweet
    non ho capito il senso della frase soprattutto “da st’avelli”
    scusami

    Comment by Edy — 25 Settembre 2016 @ 09:05
  5. Edy benvenuto e grazie per la domanda. Quello che volevo esprimere è il concetto contenuto nelle ultime righe della Pagina di Vangelo di oggi. Abramo risponde al ricco che gli chiede di mandare il povero Lazzaro ad avvisare i suoi cinque fratelli perché non facciano la stessa fine sua: “hanno Mosè e i profeti”, se non ascoltano la Legge non crederebbero nemmeno se uno risuscitasse dai morti e glielo venisse a dire. Quindi per chiarire meglio … si nun vonno seguì leggi e decreti (intendo dire la Legge e al parola dei profeti) manco a mannà li morti da ‘st’avelli (nemmeno a inviare dei morti come Lazzaro da questi avelli, cioè tombe) je dànno retta … è inutile che mieti (gli darebbero retta, inutile che provi a mietere il grano ora, perchè non ci sarà frutto).
    Spero di essermi chiarito. Grazie ancora per avermi chiesto spiegazioni.

    Comment by Stefano — 25 Settembre 2016 @ 11:56
  6. Questo Vangelo è una esortazione alla condivisione e a non chiudersi in sé stessi, ma a guardare ed aiutare chi è nel bisogno.
    Buon pomeriggio!
    ….
    Io sto vedendo la partita e NON è un bel pomeriggio.

    Comment by letizia — 25 Settembre 2016 @ 13:46
  7. Questa parte del Santo Vangelo: la risposta di Abramo; è riferita a prima dell’avvento di Gesù, il quale predica che, tramite il pentimento, il ravvedimento può sempre avvenire, percorrendo la retta via.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 25 Settembre 2016 @ 16:58

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>