Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

16 Novembre 2018

Er lisciabbusso

Er lisciabbusso

***

Ma a che te serve statte a piagne addosso

e lamentatte de continuo, fisso,

a véde lo sprofonno de l’abbisso,

dar punto esatto ar limite der fosso.

***

Ciài più dolori te der Crocifisso,

sei aggitato come un mare mosso

e nun t’accorgi che sbaji de grosso

a stà così, perennemente affisso.

***

Ché invece de penzà solo a te stesso,

si te guardassi intorno, giusto a un passo,

vedresti quanti guai ce stanno appresso.

***

E invece de lagnatte qui, indiscusso,

nun t’arivava ‘sto sonetto a scasso,

a fatte un artro vano lisciabbusso.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***

  1. Ma a che te serve statte a piagne addosso
    e lamentatte de continuo, fisso,
    a véde lo sprofonno de l’abbisso,
    dar punto esatto ar limite der fosso. … (continua)

    Comment by Stefano — 23 Gennaio 2014 @ 08:12
  2. Liscio e busso è la forma italianizzata delle varianti dialettali napoletana, calabrese e siciliana: lisciabbusso, liscebbusso, liscibussu/liscebusso dal significato di rabbuffo, rampogna, aspro rimprovero ecc. E’ formata dall’agglutinazione di “liscio” prima persona singolare indicativo presente del verbo lisciare derivato dal latino volgare lisiare, probabilmente voce di origine espressiva e da “busso” prima persona singolare indicativo presente del verbo bussare dal latino volgare pulsare intensivo di pellere. La voce è mutuata dal linguaggio dei giocatori di tressette, un antichissimo giuoco di carte nato nel Reame e poi diffusosi nel resto d’Italia ed in altre aree geografiche.
    Durante il gioco, ideato da muti, non è consentito parlare ma è possibile segnalare al compagno di gioco il possesso di alcune carte con determinati segni e “liscio e busso” sta ad indicare che si hanno in mano il tre e l’asso di uno stesso seme.
    Tratto da http://forum.corriere.it/scioglilingua/29-11-2009/liscio-e-busso-essere-sulla-breccia-e-mandare-a-orinci-1419232.html

    Comment by Pablo BigHorn — 24 Gennaio 2014 @ 15:06
  3. C’è gente sempre scontenta che si lamenta di tutto: dovrebbero andare a vedere chi ha VERAMENTE motivo di piangere, per rendersi conto che il suo scontento è una sciocchezza!
    Buona Giornata.

    Comment by maria letizia — 20 Aprile 2018 @ 10:50
  4. Attira positività colui che risponde che va tutto bene anche quando non è così, che ha sempre un sorriso per tutti anche se ha problemi seri, che è sempre disponibile e allegro pure quando avrebbe ragioni per non esserlo!
    Chi si lamenta continuamente attira negatività e anche gli altri se ne accorgono…

    Comment by Silvio — 20 Aprile 2018 @ 12:18
  5. Straordinario il pensiero del giorno!
    La brutta notizia di queste ore è che il nostro Manolas si è infortunato (brutta distorsione alla caviglia) e salterà sicuramente la gara di Champions con il Madrid, sfida decisiva per il primo posto al girone. Non ci voleva proprio!
    Buon fine settimana!

    Comment by Silvio — 16 Novembre 2018 @ 10:57
  6. Quando le cose non vanno come vorrei, mi guardo intorno e ringrazio Dio!
    Buona Giornata!

    Il Pensiero del Giorno è da medaglia d’oro!

    Comment by letizia — 16 Novembre 2018 @ 11:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>