Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Marzo 2014

La Luna

La Luna

***

De vorte nun ce ne sta manco una,

che arzo l’occhi ar cèlo a tarda sera,

senza inchinamme a te, la condottiera,

der firmamento intero che s’abbruna.

 ***

Radiosa e tonna pari ’na specchiera,

quanno sei piena e er cèlo in te s’aduna,

ispiri amori e sogni de fortuna,

si cresci o cali fino a fatte nera.

 ***

Er Sole te corteggia e tu arrosisci,

lo fai impazzì quer pòro innammorato,

quanno ch’ariva lui, prenni e sparisci.

 ***

Ma verrà un giorno, certo, in der Creato,

che tu te scioji e dorce te l’allisci,

tenennotelo stretto abbracciato.

***

Stefano Agostino

_________________________________

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: La Luna

***

******

  1. De vorte nun ce ne sta manco una,
    che arzo l’occhi ar cèlo a tarda sera,
    senza inchinamme a te, la condottiera,
    der firmamento intero che s’abbruna. … (continua)

    Comment by Stefano — 17 Marzo 2014 @ 09:06
  2. “Er Sole te corteggia e tu arosisci, lo fai impazzì quer pòro innammorato, quanno ch’ariva lui, prenni e sparisci”: suggestiva l’immagine evocata, riproduzione dell’eterna metafora di vita umana!

    Comment by Silvio — 17 Marzo 2014 @ 09:15
  3. Sole e luna sono due certezze. Due belle certezze.
    Purtroppo esistono anche altre meno nobili certezze, e di una di queste si è diffusa voce all’estero: http://www.forzaroma.info/2014/03/17/i-tifosi-del-manchester-united-al-liverpool-dopo-tre-rigori-siete-come-la-juve/322848

    Comment by Pablo BigHorn — 17 Marzo 2014 @ 14:37
  4. Sonetto per la luna: bello e romantico!

    Comment by letizia — 17 Marzo 2014 @ 16:02

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>