Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

27 Giugno 2014

La borza de le donne

La borza de le donne

***

Nun conta certo mica la capienza,

‘na donna quer che ‘nfila ne la borza

è quarche cosa che, più ce se sforza,

più nun se pò sapé, ch’è ‘na dispenza.

***

C’è tutto, e provo a metteli de corza

l’oggetti accatastati a l’occorenza,

piccola o granne nun fa diferenza,

è un monno ch’è “zippato” dentro a forza.

***

Tra aggenda, trucchi, gomme e fazzoletti,

e tra accennini e robba pe l’iggène,

ce sò scontrini, spicci e animaletti.

***

Ma sta’ tranquillo, e omo ce lo sai,

e donna pure te, te vojo bene,

 quer che te serve, no, nun ce sta mai.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Nun conta certo mica la capienza,
    ‘na donna quer che ‘nfila ne la borza
    è quarche cosa che, più ce se sforza,
    più nun se pò sapé, ch’è ‘na dispenza. … (continua)

    Comment by Stefano — 27 Giugno 2014 @ 07:11
  2. Simpatici sonetto, ma ….. nun se pò fa’…. d’anna’ a smucina’ dentro ‘a borza de le donne.

    Comment by 'svardoASR'29 — 27 Giugno 2014 @ 08:32
  3. “E’ un monno ch’è “zippato” dentro a forza” rende perfettamente il concetto eheheh! Psicanalizzando il comportamento potrebbe dedursi che è un’espressione di maternità, per sovvenire ad ogni necessità improvvisa…

    Comment by Silvio — 27 Giugno 2014 @ 08:40
  4. ‘Quer che te serve, nun ce sta mai.’ Pura verità, e anche se ce fosse, nun se troveebbe. mai.

    Comment by Paolo bighorn — 29 Giugno 2014 @ 14:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>