Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

A tavola,I sonetti romani

4 Agosto 2014

La pizza

La pizza

***

Servita ar piatto, cotta ar forno a legna,

ar tajo, ar forno elettrico che sia,

portata a casa o presa in pizzeria,

lei de l’Italia a tavola è l’inzegna.

 ***

E nun ce vò chissà quale archimia,

nimmanco un coco bravo che la ingegna,

ma l’ojo bono e ’na farina degna,

p’er resto abbasta un po’ de fantasia.

 ***

Focaccia, margherita o co sarciccia,

fiori de zucca, bufala e pachino,

quattro staggioni, si più te scapriccia.

 ***

Ma pure che te siedi ar tavolino,

posa quela posata che te ’mpiccia,

usa le mano e fa’ er capitolino.

***

Stefano Agostino

_______________________________

  1. Servita ar piatto, cotta ar forno a legna,
    ar tajo, ar forno elettrico che sia,
    portata a casa o presa in pizzeria,
    lei de l’Italia a tavola è l’inzegna. … (continua)

    Comment di Stefano — 4 Agosto 2014 @ 06:58
  2. A Stè dillo a me che sto sempre ‘nfojato de pizza!!!

    Comment di Silvio — 4 Agosto 2014 @ 09:24
  3. Ecco, bravo. Cortello, forchetta, a che serveno? Vanno bene ‘e mani; strappi, rompi, aripieghi e …. ahmm!

    Comment di 'svardoASR'29 — 4 Agosto 2014 @ 10:12
  4. Buona la pizza, però quella sottile sottile, mangiata con le mani.
    Qualche volta ho provato a farla da me, ma è venuta una specie di schifo.

    Comment di letizia — 4 Agosto 2014 @ 11:50
  5. su questo piatto però, bisogna essere onesti, napoli vince

    Comment di Gabriele — 12 Gennaio 2015 @ 11:47
  6. @Gabriele: la pizza migliore della mia vita l’ho mangiata a Napoli

    Comment di principessa — 9 Maggio 2015 @ 10:01

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>