Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

30 Settembre 2014

Stà in “bolletta”

Stà in “bolletta”

***

Davero ce mancaveno ‘st’aumenti,

sinnò come facevi a stà in “bolletta”

cor gasse e l’energia a arzà la retta?

E noi strignemo intanto cinghia e denti.

***

Ariva ottobbre, er mese de la stretta,

de l’IMU (r) TARI loro e lor parenti,

sargheno le tariffe e l’accidenti

de chi nun cià un centesimo in cassetta.

***

E intanto li magnaccia e li papponi,

che stanno a spreme er popolo italiano

come se fa co arance e co limoni, …

***

… se fingheno nemici in primo piano,

ma è ‘na battaja solo tra amiconi,

continueno a ingozzasse a tutto spiano.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Davero ce mancaveno ‘st’aumenti,
    sinnò come facevi a stà in “bolletta”
    cor gasse e l’energia a arzà la retta?
    E noi strignemo intanto cinghia e denti. … (continua)

    Comment by Stefano — 30 Settembre 2014 @ 07:36
  2. Che tempacci amici miei… meno male che c’è l’AsRoma in testa alla classifica a punteggio pieno ad addolcirci la vita!

    Comment by Silvio — 30 Settembre 2014 @ 10:14
  3. La storia è così. Finacchè se fanno chiacchiere e no fatti, chi sta ar potere s’approfitterà sempre.
    A Roma ce sta ‘n’anedoto de li tempi de Papa Pio IV(m’o riccontava ‘na vecchietta quann’ero fanello): “Ereno tempi grami com’adesso e er papato caricava de tasse er popolo. Se dice che Don Filippo Neri ammoniva er Papa d’annacce piano co le tasse, perché er popolo mormorava; ar chè er Papa aumentava ancora le tasse. Un giorno er futuro santo, disse ar Papa: “Santità er popolo tace e er Papa, capito che er silenzio voleva di’ che qurcosa covava sotto sotto, ordinò de diminui’ ‘a torchiatura”.
    Perché finacchè se fanno chiacchiere, se ciarla e basta, ma quanno se vò fa’ ‘na rivoluzzione se sta zitti e se agisce.
    Pe chi ‘a vò capi’, ce sta ‘na morale. Scrivemo commenti su facebok, leggemo le castronate de li giornali, cioè mormoramo e a Renzi e soci nun je ne pò frega’ de meno.

    Comment by 'svardoASR'29 — 30 Settembre 2014 @ 10:36
  4. limortacciloro!

    Comment by letizia — 30 Settembre 2014 @ 11:39
  5. Se nun sòrte fora ‘na testamatta, capace de allerta’ er popolo e fasse segui’ pure ‘n capo ar monno, avemo solo da subi’. Ce sta a prova’ Grillo, ma semo ‘na massa de codardi che nun lo votamo a sufficienza. I più fessi credeno a le panzane denigratorie dei media, ‘mbeccati dar potere, e nun voteno come se dovrebbe. Oggi dopo Grillo c’è er vòto assoluto.

    Comment by 'svardoASR'29 — 30 Settembre 2014 @ 12:59

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>