Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

17 Ottobre 2014

La scaramanzia

La scaramanzia

***

“Che guajo! Come cacchio ce se mette,

si se rompe ’no specchio o un gatto nero

ce passa qui davanti, è un cimitero,

come si è venerdì de diciassette.

 ***

L’ombrello aperto in casa è un gufo vero,

passà sotto a ’na scala, annanno a fette,

er viola in scena o tredici forchette,

si casca er sale, tocca stà in penziero”.

 ***

’Sta vita già ciariempie de magoni,

che nun ce se po’ fà ’na malatia,

a crede a tutte ’ste superstizzioni.

 **

Ché quanto porta jella, mamma mia,

da dasse ’na grattata a li cojoni,

seguì ’gni forma de scaramanzia.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. “Che guajo! Come cacchio ce se mette,
    si se rompe ’no specchio o un gatto nero
    ce passa qui davanti, è un cimitero,
    come si è venerdì de diciassette. … (continua)

    Comment by Stefano — 17 Ottobre 2014 @ 07:55
  2. La superstizione lasciamola ai pavidi, a chi si penalizza da solo, a chi è influenzabile da condizionamenti artificiali: è sconosciuta a chi vive nella gioia di Dio, a chi guarda la vita dritta negli occhi e a chi crede nei propri mezzi, nel proprio impegno e nella propria irreprensibile onestà!

    Comment by Silvio — 17 Ottobre 2014 @ 11:39
  3. Silvio, hai detto proprio quello che penso io!

    Comment by letizia — 17 Ottobre 2014 @ 14:13
  4. L’unica scaramanzia acui credo è quella de guarda’ er meteo prima de sorti’ de casa; armeno, si te fidi, te regoli si serve de pija’ l’ombrello.

    Comment by 'svardoASR'29 — 17 Ottobre 2014 @ 14:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>