Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Luglio 2018

Dar Vangelo der giorno – “Gesù e l’emorroissa”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e l’emorroissa”

***

‘Na donna era da tempo emorroissa,

quanno vide Gesù: “Pur che sbarello”,

disse tra sé, “je tocco quer mantello

e Lui me guarirà, senza ‘na rissa”.

***

Fece così e in quer momento er bello

è che ar suo sangue er flusso je se fissa

je se ‘nterompe, er male se inabbissa,

guarisce tra la folla e er suo macello.

***

Gesù che nun s’accorze de la tizzia,

ma de la forza che j’era mancata

ar tocco der mantello Suo, lì inizzia …

***

… a dì: “Chi m’ha toccato” – “Io, malata”.

Lui chiuse co ‘na voce de letizzia,:

“Mó va’ che la tua Fede, t’ha sarvata”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. ‘Na donna era da tempo emorroissa,
    quanno vide Gesù: “Pur che sbarello”,
    disse tra sé, “je tocco quer mantello
    e Lui me guarirà, senza ‘na rissa”. … (continua)

    Comment by Stefano — 26 Giugno 2015 @ 19:00
  2. Buona Domenica!

    Comment by maria letizia — 1 Luglio 2018 @ 14:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>