Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

3 Febbraio 2019

Dar Vangelo der giorno: “er profeta in patria”

Dar Vangelo der giorno: “er profeta in patria”

***

Gesù, tornato a Nazaret, parlava

der Regno e de Divini inzegnamenti,

tutta la gente a dì: “Ma senti, senti …

nun è quer fìo ch’è nato qui e qui stava?”

***

Da ‘ndó je vengheno ‘sti intennimenti

e ‘sta sapienza? Prima lavorava

cor padre suo Giuseppe eppoi contava

Maria pe madre e tanti pe parenti?”

***

Gesù vedenno quela poca Fede,

disse: “Nessun profeta in casa sua,

viè rispettato e qua nun Me se crede!”

***

Così che disse co malinconia:

“Che triste l’èsse estraneo in patria tua”,

e detto fatto se n’è ito via.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Gesù, tornato a Nazaret, parlava
    der Regno e de Divini inzegnamenti,
    tutta la gente a dì: “Ma senti, senti …
    nun è quer fìo ch’è nato qui e qui stava?” … (continua)

    Comment by Stefano — 5 Luglio 2015 @ 08:57
  2. Nessuno è profeta in patria, neanche Gesù: i suoi concittadini non Gli hanno creduto: e noi?
    Buona Domenica!

    Comment by maria letizia — 8 Luglio 2018 @ 10:39
  3. Purtroppo, in genere, diamo poco credito alle capacità di chi ci è vicino per parentela o amicizia ma, diamo fiducia a ciò che ci viene proposto persone estranee, come fosse oro colato.

    Comment by 'svardo — 8 Luglio 2018 @ 18:50
  4. “Un medico è venuto in mezzo a noi per restituirci la salute: nostro Signore Gesù Cristo.” Ma noi come lo abbiamo accolto?
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 3 Febbraio 2019 @ 16:08

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>