Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

10 Agosto 2021

Er 10 agosto

Er 10 agosto

***

Er dieci agosto, er dì de San Lorenzo,

quanno ch’annotta e er celo, a fari spenti,

lancia pe gioco le stelle cadenti,

su quer tappeto, nero notte, intenzo.

 ***

Si esprimo in tempo desideri e intenti,

e in quer seconno esatto in cui li penzo,

passa un soffio de stella ne l’immenzo,

li sogni me diventeno viventi.

 ***

Armeno questo è er credo popolare,

così che centinaia de capocce

stanotte stanno in su, l’occhi a lampare.

 ***

Ma ne l’attesa de le stelle a docce,

coroneno li sogni le zanzare,

ner succhià sangue a tutti a gocce, a gocce.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Bongiorno. Poesia e realtà accomunati nel sonetto. L’invito al sogno, provocato dalla bellezza del firmamento pieno di luminose gocce cadenti, si contrappone alla realtà delle odiose zanzare pungenti. Uso “Autan” e le zanzare stanno lontano.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 10 Agosto 2016 @ 08:50
  2. Sogni, amori, desideri, abbracci e coccole sotto le stelle che cadono nella notte più romantica dell’anno! Poetico il sonetto…

    Comment by Silvio — 10 Agosto 2016 @ 10:29
  3. E’ proprio vero che l’umanità ha bisogno di credere a fantasie, sogni e leggende. A molte persone ciò aiuta a vivere meglio e va bene così. Buon San Lorenzo!

    Comment by Silvio — 10 Agosto 2020 @ 09:17
  4. Bònaserata a caccia de stelle cadenti e che AUTAN v’aiuti contro le zànzàre.

    Comment by 'svardo — 10 Agosto 2020 @ 09:45
  5. La notte di S. Lorenzo e delle stelle cadenti mi ricorda la notte in cui fu ucciso il padre del poeta Giovanni Pascoli, il cui assassino non fu mai scoperto! Per questa morte il Poeta scrisse una bellissima poesia, che vale sempre la pena rileggere.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 10 Agosto 2020 @ 12:20
  6. Ciao ‘svardo, bentornato!
    Ti posso dire che io sono la vittima preferita delle maledette zanzare!

    Comment by letizia — 10 Agosto 2020 @ 12:22
  7. Er dieci agosto, er dì de San Lorenzo,
    quanno ch’annotta e er celo, a fari spenti,
    lancia pe gioco le stelle cadenti,
    su quer tappeto, nero notte, intenzo. …

    Comment by Stefano — 10 Agosto 2021 @ 06:41
  8. Se guardiamo le stelle cadenti vuol dire che abbiamo ancora qualcosa in cui sperare! E io una speranza ce l’ho!
    Buona serata.

    Comment by letizia — 10 Agosto 2021 @ 16:11

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>