Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

21 agosto 2015

Roma, te chiedo scusa

Roma, te chiedo scusa

***

Te chiedo scusa, ROMA, pe ‘sta frode,

der funerale stile firm “Padrino”,

de ‘na vergogna che me ce smucino

lo stommico pe quanto me ce rode.

***

E s’arivorta pure l’intestino

guardanno quele scene e quele code

de genti tutte appresso ar loro “prode”,

pe salutallo co l’urtimo inchino.

***

Che schifo, ROMA MIA, e che monnezza

t’hanno stuprata tra l’indiferenza,

de istituzzioni che nun sò a l’artezza.

***

Quant’artro hai da subbì co ‘sta violenza

in mano a facce losche e a la schifezza

de chi è colluso co ‘sta delinguenza?

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Te chiedo scusa, ROMA, pe ‘sta frode,
    der funerale stile firm “Padrino”,
    de ‘na vergogna che me ce smucino
    lo stommico pe quanto me ce rode. … (continua)

    Comment by Stefano — 21 agosto 2015 @ 08:20
  2. E’ una vergogna sono senza parole! La Polizia municipale che scorta la bara non si può sentire, sono tutti collusi. Povera Roma mia in mano ai delinquenti!
    Buona giornata.

    Comment by letizia — 21 agosto 2015 @ 10:21
  3. De sicuro tutto aurotizzato, poi vedendo che la cosa ha fatto scalpore, se votano tutti a “santa nega”. Addirittura ‘n’elicottero ‘n volo a bassa quota in città? Impossobbiole fallo senza la minima autorizzazzione. Via tutti st’imbrojoni e pure via sti zingheri nomadi che, come tali, hanno da circola’. Se chiameno “Camminanti”? e allra camminassero.

    Comment by 'svardoASR'29 — 21 agosto 2015 @ 10:44

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>