Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

7 dicembre 2015

Un lunedì ch’è sabbato

Un lunedì ch’è sabbato

***

Un lunedì diverzo, finarmente!

De quelli che sò ponte, travestiti

da fine settimana, e sò elargiti

da un calennario certo più clemente.

***

Domani è festa e quanto sò squisiti

anche li giorni prima e no pe gnente

già decantati in rima d’artra gente,

‘sti lunedì venissero infiniti.

***

Te pòi fà er ponte e er che è già ‘na festa,

ma pure si nun pòi, sai già che’er monno 

domani tira er freno e se riaresta.

***

Un lunedì così gustalo a fonno,

ché pe ‘na vorta nun dà mar de testa,

 è guasi venerdì e allunga er sonno…

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Un lunedì diverzo, finarmente!
    De quelli che sò ponte, travestiti
    da fine settimana, e sò elargiti
    da un calennario certo più clemente. … (continua)

    Comment by Stefano — 7 dicembre 2015 @ 07:12
  2. Bello ‘sto lunedì per chi fatica tutta la settimana! si deve festeggiare.
    Buon lunedì a tutti!

    Comment by letizia — 7 dicembre 2015 @ 10:17
  3. Bongiorno e bon Lunedì diverzo. Mette’ ‘a firma pe ottene’ 52 de sti Lunedì? Nun ‘a posso mette’ perché nun so’ der Genio Pontieri e me potrebbe capità de fa’ ‘n ponte che poi crolla. Cmq se sto Lunedì s’è ammascherato da Sabbato, er prossimo Mercoledì se traveste da Lunedì e stamo ‘n’antra vòrta lì. Speramo che ‘a serata ce ariconsòlì.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 7 dicembre 2015 @ 12:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>