Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

17 Dicembre 2015

Bon compreanno Papa Francesco

Bon compreanno Papa Francesco

***

Bon compreanno a Te, Papa Francesco,

m’ariccomanno Jorge Mario Bergojo

resta pe tanto e a lungo su quer Sojo!

‘Sto monno, che si aspetti lui, stai fresco …

***

… è un monno retto da egoismo e orgojo,

se crede de campà, quant’è grottesco,

su l’omo solo e magna infatti ar desco

de chi è er più furbo e cià più erba vojo.

***

Auguri Santità, bon compreanno,

ne l’anno esatto de ‘sto Giubbileo,

Pontefice tra Dio e er Suo comanno …

***

… e l’omo ch’è da sempre er più babbeo,

da Adamo e Eva a oggi, stesso inganno,

penzace Te, France’ … qui ar Colosseo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Bon compreanno a Te, Papa Francesco,
    m’ariccomanno Jorge Mario Bergojo
    resta pe tanto e a lungo su quer Sojo!
    ‘Sto monno, che si aspetti lui, stai fresco … (continua)

    Comment by Stefano — 17 Dicembre 2015 @ 09:53
  2. Auguri papa Francesco, unica vera guida spirituale, etica e morale di questo “monno retto da egoismo e orgojo”!!!

    Comment by Silvio — 17 Dicembre 2015 @ 10:29
  3. Auguri France’, Papa che veramente è ‘n guera p’ave’ finermente ‘pna Chiesa pulita, santa e … universale. Si, auguri e … bòn lavoro.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 17 Dicembre 2015 @ 11:21
  4. Auguri di cuore a Papa Francesco, che il Signore ce lo conservi per tanto tempo!

    Comment by letizia — 17 Dicembre 2015 @ 23:23

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>