Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

9 Febbraio 2010

Er piagnone

Tags: , , ,

piagnone1

Er piagnone

***

Ma dico io, pòi vive a sta magniera?

sei sempre triste, e nun sòridi mai,

sempre a pensa’ a li mali e a li guai,

quanno stai bene, tu, la vedi nera.

***

E si t’encontro e chiedo come stai,

“Lassame perde!” è la tua preghiera,

“che de le sfighe so’ er portabandiera,

si tu stai bene, dimme come fai?”

***

Capisco che te po’ girà pe’ storto,

ma a èsse così, ascorta sta novella,

te le vai a cerca’ cor viso sporto.

***

Che nun c’è verità ch’è più de quella,

che più sei moggio, triste, buio e smorto,

più te vie’ a ròta la più zozza jella.

***

Stefano Agostino

________________________

  1. Sembra ‘na calamità se te lamenti e se te aritiri ‘n te stesso, te capiteno tutti li guei che, dapprima immaginari, addiventeno veri. Epperò de dice puro che: “er pianto frutta”.

    Comment by 'svardo — 9 Febbraio 2010 @ 10:42
  2. Scusate, me sfuggono le dita. quello giusto è:
    “Sembra ‘na calamità se te lamenti e se te aritiri ‘n te stesso, te capiteno tutti li guai che, dapprima immaginari, addiventeno veri. Epperò se dice puro che: “er pianto frutta”.

    Comment by 'svardo — 9 Febbraio 2010 @ 10:45
  3. Ma qui viene descritto il tipico LAZZIALE 😀

    Comment by Principessa — 9 Febbraio 2010 @ 15:27
  4. Approvo e sottoscrivo…. Sapessi quanti ne conosco… ce ne ho uno proprio di fronte a me….adesso…..
    Ciao a tutti

    Comment by Massimiliano "Bariggio" — 9 Febbraio 2010 @ 17:09
  5. Grazie a tutti per gli interventi, come sempre graditissimi

    Comment by Stefano — 9 Febbraio 2010 @ 20:38

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>