Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

10 Ottobre 2016

Trump…o’ l’elezzioni USA

Trump…o’  le elezzioni USA

***

No dico, Trump, nun diteme ch’è vero?

Co quela faccia stile trattoria

e l’occhio da chi è avanzo d’osteria,

me state a prenne in giro, sì lallero.

***

Com’è possibbile su, mamma mia,

ch’uno così fa er Presidente? Spero

ve state a rènne conto quant’è nero

un monno co lui a capo … e che mai sia.

***

Xenofobo, classista, intollerante,

pe nun parlà che penza de le donne,

che manco ar medioevo più distante.

***

Vabbè che noi, da ‘st’artre nostre sponne,

de genti uguali ce n’avemo tante,

ma l’USA a CLINTON sia a nove colonne. 

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. No dico, Trump, nun diteme ch’è vero?
    Co quela faccia stile trattoria
    e l’occhio da chi è avanzo d’osteria,
    me state a prenne in giro, sì lallero. … (continua)

    Comment di Stefano — 10 Ottobre 2016 @ 08:35
  2. Mamma mia, spero davvero che gli americani pensino bene a chi eleggere…questo nun me fa neanche ride.

    Comment di laura — 10 Ottobre 2016 @ 08:52
  3. Se gli americani lo eleggono vuol dire che sono impazziti: questo è uno che porterebbe il mondo ad una “bancarotta” totale! Molti dei suoi colleghi lo hanno abbandonato. Speriamo bene.
    Buona giornata!

    Comment di letizia — 10 Ottobre 2016 @ 13:06
  4. Bon pranzo, ossia: bòna diggestione.
    Nun me ‘mpiccio dele rogne artrui, so’ solo chenun vedo l’oraq ch’ariva er 4 dicembre pe’ cerca’ de manna’ a casa er pupo bamba e tutta ‘a compagnia de sartibanchi che je sta addietro.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 10 Ottobre 2016 @ 14:20

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>