Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

17 Maggio 2017

Blue whale – Balena blu

Blue whale – Balena blu

***

“Blue whale” se chiama ‘st’urtima trovata

che m’arifiuto de chiamalla gioco,

de autolesionasse, e manco poco,

cinquanta prove … come ‘na scalata.

***

“Balena blu”, tradotto pressappoco,

da incidese sur braccio disegnata

ma co un rasoio, tipo tatuata,

solo l’inizzio e pari è dasse foco.

***

Salì fin’ar livello de cinquanta,

der lancio giù dar tetto de un palazzo,

co gente che ariprenne tutta quanta …

***

… la scena e chi se butta dar terazzo

pe sfracellasse, e c’è chi se ne vanta,

penza che grado de testa de cazzo!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. “Blue whale” se chiama ‘st’urtima trovata
    che m’arifiuto de chiamalla gioco,
    de autolesionasse, e manco poco,
    cinquanta prove … come ‘na scalata.

    Comment di Stefano — 17 Maggio 2017 @ 03:03
  2. Bongiorno. La vita di oggi, senza prospettiva per i giovani, provoca queste aberrazioni. Mancano il lavorto e ….. la guerra. C’è eccedenza di ….. noia.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 17 Maggio 2017 @ 07:59
  3. Troppa tecnologia, social e videogames bruciano il cervello! La sacralità della vita evidentemente non è un concetto così scontato per nuove generazioni abbrutite dal virtuale…

    Comment di Silvio — 17 Maggio 2017 @ 09:52
  4. Ecco bravi! ammazzateve tutti e in fretta, così ci liberiamo della zavorra!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 17 Maggio 2017 @ 11:50

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>