Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

22 Giugno 2017

ZZZ … fisso

ZZZ … fisso

***

Combatte co quer “ZZZ” tutta la notte

je spareresti pure cor fucile,

‘na botta, co rincorza, de badile,

pe ‘sta bastarda che intanto te fotte.

***

Chissà ‘nd’è entrata ‘sta codarda e vile

che viè pe fà le bolle e pure in flotte

‘cciloro e de ‘ste fìe de gran mignotte,

che se prepareno da fine aprile.

***

Così ch’è quann’è giugno e la calura

le porta qua pe fà rifornimento,

sò tutte pronte pe loro natura …

***

… a fà un prelievo, quann’è tutto spento,

a succhià er sangue dopo la puntura,

che manco li magnaccia in Parlamento.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Combatte co quer “ZZZ” tutta la notte
    je spareresti pure cor fucile,
    ‘na botta, co rincorza, de badile,
    pe ‘sta bastarda che intanto te fotte. … (continua)

    Comment by Stefano — 22 Giugno 2017 @ 08:48
  2. Nonostante zanzariere, lampade, spry e quant’altro, tutte le mattine un paio di punture me le ritrovo! Ma, per fortuna non prudono.
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 22 Giugno 2017 @ 09:14
  3. Viva l’estate, sempre! Nonostante ‘ste gran mignotte de zanzaracce eheheh…

    Comment by Silvio — 22 Giugno 2017 @ 09:32
  4. Bongiorno. Ber tema, quello der sonetto de oggi. Dico ch’armeno voi sentite er ronzio e ve potete mette’ ‘n guardia, ‘nvece,io, sordo come ‘na campana e peggio, m’arisvejio pieno de bitorzoli da tutte le parti e co ‘n prudore ‘ndescrivibbile. Sto a consuma bombolette su bombolette, ma ‘na carogna che sopravvive ce sta sempre.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 22 Giugno 2017 @ 09:48

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>