Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Luglio 2017

Dar Vangelo der giorno: “chi accoje Me”

Dar Vangelo der giorno: “chi accoje Me”

***

“Chi ama padre o madre, er fìo o la fìa

più che amà Me, de Me lui nun è degno,

chi nun pìa la sua croce, allora è segno

che la sua via nun è la via Mia.

***

Chi trova la sua vita pe sostegno

la perderà, chi pe seguì ‘sta Via,

la perde, l’aritroverà, ossia,

sarà poi parte un giorno der Mio Regno.

***

Chi accoje voi discepoli Me accoje

e accoje già Colui che m’ha mannato,

com’er profeta o er giusto, a le sue spoje …

***

… verà de certo poi aricompenzato,

la ricompenza che nissuno toje,

a chi darà da bere a l’assetato”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. “Chi ama padre o madre, er fìo o la fìa
    più che amà Me, de Me lui nun è degno,
    chi nun pìa la sua croce, allora è segno
    che la sua via nun è la via Mia. … (continua)

    Comment by Stefano — 2 Luglio 2017 @ 07:04
  2. Buona Domenica!

    Comment by letizia — 2 Luglio 2017 @ 13:52

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>