Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Settembre 2017

Madre de l’umanità

Madre de l’umanità

***

Maria era a li piedi de la Croce,

quanno Gesù je disse: “Tu a Giovanni,

da oggi je sei Madre e li sua affanni

conzolali pe sempre” … co ‘sta Voce …

***

der Fìo inchiodato pe l’umani inganni,

Lei co un dolore ar petto ch’è er più atroce

divenne Madre, un attimo veloce

de ‘gni essere umano, gioie e addanni.

 ***

Vedeva er Fìo appeso sopr’ar Legno

da cui er nome Suo de Addolorata,

che je dava un incarico pe segno.

***

De fà da Madre a ‘gni anima ch’è nata

pe destinalla certa un giorno ar Regno

der Fìo che cor Padre l’ha chiamata.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Maria era a li piedi de la Croce,
    quanno Gesù je disse: “Tu a Giovanni,
    da oggi je sei Madre e li sua affanni
    conzolali pe sempre” … co ‘sta Voce … (continua)

    Comment di Stefano — 15 Settembre 2017 @ 05:20
  2. Una sinfonia, una scultura, un sonetto che contiene l’enfasi di una preghiera austera e semplice allo stesso tempo, complimenti!

    Comment di Silvio — 15 Settembre 2017 @ 08:59
  3. Versi commoventi e pieni di tenerezza per la Madre di Dio e Madre nostra! Ave Maria, prega per noi peccatori!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 15 Settembre 2017 @ 10:29
  4. Versi commoventi, ch’arinnoveno n’a mente d’ogni madre, er dolore pe la perdita de’n fijo.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 15 Settembre 2017 @ 18:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>