Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Febbraio 2019

Chi sei veramente

Chi sei veramente

***

Chi crede de conoscete sortanto

perché de te cià ‘na sfaccettatura,

nun sa che quer che sa de te misura

come ‘na goccia dentr’a un mare tanto.

***

Te guarda come fussi ‘na scurtura,

che resta ferma, mentr’er monno accanto

t’ha già bollato come mostro o santo,

in base a quer parziale che snatura.

***

Come ‘gni omo ciài cent’artri aspetti

e nun pò èsse mai ch’uno qualunque

abbasta a dì chi sei, come t’assetti.

***

Ché spesso nun lo so nemmanco io

come so’ fatto veramente ar dunque,

er solo che lo sa, se chiama Dio. 

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Chi crede de conoscete sortanto
    perché de te cià ‘na sfaccettatura,
    nun sa che quer che sa de te misura
    come ‘na goccia dentr’a un mare tanto. … (continua)

    Comment di Stefano — 3 Gennaio 2018 @ 09:26
  2. Mi viene in mente la battuta di Verdone nel film “Troppo forte”: “… ahò te me conosci pe’ ‘n aspetto solo mentre io invece ce n’ho artri 170…!” accompagnato da un eloquente linguaggio del corpo molto romano, co’ la mano a paletta. Ahahah fantastico!!!

    Comment di Silvio — 3 Gennaio 2018 @ 11:07
  3. “…er solo che lo sa, se chiama Dio”: infatti, solo UNO conosce tutto dell’animo umano!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 3 Gennaio 2018 @ 11:36
  4. Ogni essere umano ha centomila sfumature e sfaccettature che neanche lui stesso conosce! “…er solo che lo sa, se chiama Dio”, perché è LUI che ci ha fatto e LUI solo sa veramente come e cosa siamo!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 22 Febbraio 2019 @ 10:59

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>