Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

10 luglio 2018

Accenni la TV e …

Accenni la TV e …

***

Accenni la TV, solite facce,

stesse battute, soliti programmi,

risate senza un senzo oppure drammi,

de quelli fatti a arte e co le tracce.

***

Me basteno già un par de fotogrammi,

pe intuì discorzi de fregnacce

e cambio o smorzo mejo e, tocca stacce,

pe stà a sentì l’inzurti in ideogrammi.

***

Ché nun le reggo più ‘ste trasmissioni,

in cui già è tutto noto, è tutto visto,

ner carderone de televisioni …

***

… de chiacchiere che se le porta er vento,

accenno ma de certo nun resisto

e schiaccio er tasto giusto, l’off de spento.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Accenni la TV, solite facce,
    stesse battute, soliti programmi,
    risate senza un senzo oppure drammi,
    de quelli fatti a arte e co le tracce. … (continua)

    Comment by Stefano — 11 gennaio 2018 @ 05:52
  2. Molto meglio aprire un libro, sono daccordo. Ricordo sempre una vecchia scritta su un muro carica di verità: SPEGNETE LA TV E ACCENDETE IL CERVELLO!

    Comment by Silvio — 10 luglio 2018 @ 09:48
  3. Senz’esse’ patito p’a TV ma, ‘na partita o ‘n ber firme de quelli der tempo passato che te so’ rimasti ‘na memoria, se pònno aregge. Artrimenti, si, ‘n ber libro, pure se riletto.

    Comment by 'svardo — 10 luglio 2018 @ 10:10
  4. Sono d’accordo: molto meglio leggere un libro, anche se già letto! E, comunque i tg dicono un sacco di bugie! Io, comunque, preferisco ascoltare la radio, almeno non vedo quelle facce di imbecilli.
    Buona Giornata.

    Comment by maria letizia — 10 luglio 2018 @ 13:06

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>