Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Gennaio 2018

L’artro viaggio de quer treno

L’artro viaggio de quer treno

***

Vojo penzà che nun ve sète accorte,

nessuna de voi tre, sopr’a quer treno,

de quer seconno esatto in cui … me freno,

senza un motivo è apparza sora Morte.

***

Nun vojo cercà corpe ch’è un veleno,

che a gnente pò servì quanno la sorte

decide de sprangà tutte le porte

a Vita che ciavrebbe ancora er pieno.

***

Vojo penzà pe voi che c’è un binario

che porta dritti a casa Paradiso,

dove da sempre tutto va in orario.

***

Dove risprenne er Sole acceso in viso,

e nun c’è cosa che va a l’incontrario,

nun ce sta lacrima, solo er soriso.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Vojo penzà che nun ve sète accorte,
    nessuna de voi tre, sopr’a quer treno,
    de quer seconno esatto in cui … me freno,
    senza un motivo è apparza sora Morte. … (continua)

    Comment di Stefano — 25 Gennaio 2018 @ 18:47
  2. Tragedia per incuria o per qualcosa di più oscuro? Visto in TV il pezzo mancante, non mi sembra si possa essere staccato cosi preciso. Penso che morti e feriti, qualcuno li abbia sulla coscenza.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 26 Gennaio 2018 @ 00:25
  3. Hai ragione ‘svardo, l’ho pensato anch’io! Il Signore le ha accolte dove tutto è gioia divina.
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 26 Gennaio 2018 @ 10:04

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>