Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

1 febbraio 2018

Ma nun pò èsse

Ma nun pò èsse

***

S’ammazza er fiume, quanno sfocia in mare,

s’ammazza un giorno, quanno ariva notte,

s’ammazza er tempo, si la noia fotte,

s’ammazza un sogno, co matine chiare.

***

S’ammazza un grido che er silenzio inghiotte,

s’ammazza anche la Luna che scompare,

s’ammazzeno le stelle e er Sole appare,

s’ammazzano le idee e le granni lotte.

***

S’ammazza in quello appresso ‘gni momento,

s’ammazza ‘gni penziero a cambià l’io

s’ammazza quanno plana pur’er vento.

***

S’ammazza un’amicizzia e lo sa Dio

pure un amore dietr’a un tradimento,

ma nun pò èsse che s’ammazza un fìo.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. S’ammazza er fiume, quanno sfocia in mare,
    s’ammazza un giorno, quanno ariva notte,
    s’ammazza er tempo, si la noia fotte,
    s’ammazza un sogno, co matine chiare. … (continua)

    Comment by Stefano — 1 febbraio 2018 @ 05:45
  2. Abbiamo ucciso Gesù, cosa ci si può aspettare dagli uomini?!

    Tanti Auguri a Silvio anche da parte mia! (non lo conosco, ma scrive sempre cose belle,interessanti e che mi trovano sempre d’accordo).
    Buon Pomeriggio!

    Comment by letizia — 1 febbraio 2018 @ 16:26

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>