Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

8 febbraio 2018

Come ar tempo de Caino

Come ar tempo de Caino

***

Pare che l’omo nun ha fatto un metro,

a giudicà da quer che poi succede,

dar tempo de Caino e nun procede

anzi simmai a vorte torna indietro.

***

‘Sta storia ch’è difficile da crede

de ‘na violenza che se porta dietro

artra violenza come specchio e vetro

tutto in frantumi de ‘na vita a chiede …

***

… un sorzo de giustizzia in de ‘no Stato

ch’ormai è aridotto solo a un participio,

e quer ch’è peggio è ch’è pure passato …

***

… co cani a portà l’acqua a quer mulino

pe prenne voti e vince ar municipio …

un metro nun s’è fatto da Caino.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Pare che l’omo nun ha fatto un metro,
    a giudicà da quer che poi succede,
    dar tempo de Caino e nun procede
    anzi simmai a vorte torna indietro. … (continua)

    Comment by Stefano — 8 febbraio 2018 @ 05:46
  2. Grande Stefano! E’ un sonetto molto bello che fa riflettere sulla natura umana: in effetti siamo ancora al tempo di Caino. Ma quando impareremo ad amarci e rispettarci l’un l’altro?
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 8 febbraio 2018 @ 11:19

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>