Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Maggio 2018

A Giuditta

A Giuditta

***

Io ciò un’amica, ar secolo Giuditta,

che già dar nome è tutta un po’ speciale,

lei sempre, pure quanno je va male,

e v’assicuro nun cià strada dritta …

***

… sa sfoderà un soriso tanto, uguale,

che t’arigala, omaggio de la ditta,

immaggine che t’arimane scritta

p’er tempo in cui c’è un’ombra che t’assale.

***

Er nome, anche un po’ bibblico, a chi chiede

è pe omaggià li “Beatles” e la canzone

“Hey Jude” ch’er padre volle fà a l’erede.

***

Giuditta è una de quele perzone

che fa evidente a tutti, in chi la vede,

quer che cià dentro, senza mai finzione.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Io ciò un’amica, ar secolo Giuditta,
    che già dar nome è tutta un po’ speciale,
    lei sempre, pure quanno je va male,
    e v’assicuro nun cià strada dritta … (continua)

    Comment di Stefano — 19 Maggio 2018 @ 07:33
  2. E’ una bellissima dote essere aperti e sinceri in questo mondo finto e avaro di sorrisi! Sei fortunato, Stefano, ad averla come amica.
    Buona Giornata!

    Comment di maria letizia — 19 Maggio 2018 @ 13:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>